< Ritorna

Stampa

 

La Legge sugli stranieri è già abbastanza severa

di

Cristina Anliker Mansur
Simonetta Sommaruga, neodirettrice del Dipartimento federale di giustizia e polizia, non nasconde di sostenere senza riserve il controprogetto all'iniziativa sull'espulsione. Ma per i migranti che vivono in Svizzera anche il controprogetto è assolutamente discriminatorio. In alcuni punti si spinge addirittura oltre rispetto a quanto chiesto dall'iniziativa Udc: una pena detentiva di un anno o una pena con la condizionale sono sufficienti a decretare l'espulsione. Il provvedimento non colpirebbe "solo" gli autori del reato, ma tutte le loro famiglie. I migranti della seconda o terza generazione, nati e cresciuti in Svizzera, sarebbero costretti ad abbandonare la loro madrepatria e a tornare nel Paese d'origine dei loro genitori, un Paese che a volte conoscono solo attraverso i racconti di famiglia. Questa regolamentazione non solo è disumana, ma introduce anche una nuova forma di responsabilità estesa a tutta la famiglia. Una madre che rifiuta e scaccia i propri figli colpevoli di aver commesso un reato, è una madre snaturata.
Nel 2008 è entrato in vigore l'inasprimento della nuova Legge sugli stranieri. La legislazione svizzera è una delle più rigide di tutta l'Europa. L'articolo 62 della Legge sugli stranieri contempla ad esempio la possibilità di espellere gli stranieri che abbiano commesso reati. È indiscutibile che le autorità preposte alla migrazione facciano frequente ricorso alla norma in oggetto: negli scorsi anni sono stati espulsi fino a 800 stranieri l'anno. L'articolo sull'espulsione contemplato dalla Legge sugli stranieri del 2008 ha dunque già introdotto una sorta di diritto d'eccezione per i migranti. Gli stranieri che commettono un reato sono infatti puniti due volte: una volta con le norme penali e una seconda con la possibile espulsione.
Questa norma è discriminatoria. Sia l'iniziativa sull'espulsione che il controprogetto, sui quali saremo chiamati a votare il prossimo 28 novembre, spalancano ulteriormente le porte alla discriminazione delle minoranze.
Storicamente la Svizzera è considerata un Paese solidale e umanitario. Il crescente razzismo e la discriminazione delle minoranze distruggono progressivamente la tradizione umanitaria della Svizzera. Chiunque voglia che anche in futuro questi valori siano difesi in modo credibile, il 28 novembre dovrà lanciare un chiaro segnale e bocciare entrambi i testi.

Pubblicato

Venerdì 5 Novembre 2010

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 18 Novembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019