< Ritorna

Stampa

 
Spazio Sos

L’uso contundente di “profugo”

di

Chiara Orelli Vassere

Nella vicenda Bello Figo, il rapper italo-ghanese a cui è stato impedito qualche settimana fa di esibirsi a Lugano da una serie di minacce per nulla velate depositate in un delirante volantino dalla chiara simbologia-paccottiglia filonazista, mi sembra sia stato sottaciuto un aspetto importante. E cioè l’uso contundente, con finalità offensive e dispregiative, della parola “profugo”. I due giovani della “Lugano bene” responsabili dell’atto, e ora condannati per coazione, minacciano infatti nel volantino gravi conseguenze, qualora la serata abbia luogo, sia per il locale sia «al profugo da voi invitato». Profugo, dunque, in una condizione-condanna che sembra definitiva, assoluta: sei profugo come sei donna, o nero, o omosessuale, per sempre, e per sempre e in quanto tale sei stigmatizzato.

 

Poco importa che il rapper di origine ghanese, poco più che ventenne, sia cittadino italiano a pieno titolo dal 2004. «Un profugo come lui non ha il diritto di essere sponsorizzato da una discoteca… e principalmente di farsi i soldi nel nostro cantone», scrivono i due giovanotti, incerti nella lingua e nel pensiero ma baldanzosi, eccome, nella foga violenta contro chi non gli è gradito. Un’equazione semplice, primaria, ma forte, e ben radicata: profugo = parassita, una persona non degna, senza diritti, da emarginare dal circuito virtuoso (produttivo), e da relegare ai margini: mai non sia, infatti, che insozzi le nostre strade, i nostri luoghi di aggregazione (ormai quasi solo le discoteche), i nostri occhi. Un progressivo scivolamento semantico verso il segno negativo, verso la manipolazione delle parole e il loro uso contundente, appunto.


In un bell’articolo dal titolo “Migranti, profughi e rifugiati. Anche le parole delle migrazioni sono sempre in viaggio”, gli studiosi dell’Accademia della Crusca si soffermano sul significato di questa e altre parole della migrazione, con considerazioni interessanti (lo si trova nel sito web della prestigiosa istituzione, www.accademiadellacrusca.it). Profugo, ci spiegano i linguisti, è parola dell’italiano antico, già attestata nella Bibbia volgare alla fine del XIII scolo; nella sua accezione di “esiliato, fuoruscito”, derivante dal latino “pro-fugere” (cercare scampo, fuggire avanti), indica ad esempio i patrioti italiani esiliati nell’Ottocento anche in Svizzera per dare destini di libertà al proprio paese: ed esempi (virtuosi) in questo senso sono numerosi. Molto più tardi entra nell’uso italiano, attraverso il francese, la parola “rifugiato”, che designa colui che è costretto (e non sceglie!) a fuggire dal suo paese di origine e a cercare protezione, il che lo distingue in maniera sostanziale dal migrante. Si deve infine rilevare come la parola profugo sia esclusiva dell’italiano: nelle altre lingue è infatti tradotto con l’equivalente di “rifugiato”: un’unicità che – dicono sempre gli studiosi – ha prestato il fianco a «usi distorti e discriminatori, con sovrapposizioni strumentali fino, nei casi peggiori, a far passare come sinonimi le parole profugo e clandestino».

 

Da eroi patrioti a paria, a categoria-scarto. Come non vedere, in questo progressivo e inesorabile svilimento, in questa riduzione al nulla, a una sotto-categoria di uomini, l’eco sinistra ancorché confusa dei nefasti miasmi di quella Vernichtung, di quella negazione dell’umano che tanto dolore e tanta morte ha creato, nella civile, colta Europa del secolo scorso? Che cosa, se non il fascismo, condanna in una condizione di imperitura inferiorità chi non ci piace, chi è percepito come diverso?

Pubblicato

Giovedì 22 Giugno 2017

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019