< Ritorna

Stampa

 

L'iniqua legge

di

Generoso Chiaradonna
Non si riesce a capire perché il consigliere federale Pascal Couchepin continui a ripetere ai quattro venti e in ogni occasione pubblica che la revisione della Ladi (Legge federale assicurazione disoccupazione) sia sociale, valida ed efficace. Pensiamo e speriamo sia dovuto al suo ruolo istituzionale e non alla sua intelligenza. O forse che le sue certezze, in vista del voto, si fanno sempre più vacillanti? Noi ci poniamo solo tre domandine che giriamo al signor consigliere federale e a chi con lui sostiene la revisione della Ladi: • È sociale diminuire la durata delle indennità giornaliere da 520 a 400? • È sociale eliminare il contributo di solidarietà dell’uno per cento prelevato sugli alti salari, che è l’unica vera misura di redistribuzione della solidarietà e della ricchezza da chi ha, a chi non ha, presente nell’attuale legge? • È sociale, in una società caratterizzata sempre più dal precariato (tempi parziali, lavoro su chiamata e contratti a tempo determinato), aumentare il periodo di contribuzione minimo, per aver diritto al beneficio dell’assicurazione disoccupazione, da 6 a 12 mesi? Basta rispondere in modo affermativo a queste tre domande per ritrovarsi, il prossimo 24 novembre, in una società sempre più egoistica e sempre meno solidale. Una società dove il rispetto dell’essere umano e di chi si trova momentaneamente in difficoltà è messo in secondo piano. Una società dove un disoccupato è considerato un parassita. Perché, in sostanza, a questo mira la nuova legge: considerare chi ha perso il lavoro, per cause contingenti estranee alla sua volontà, un profittatore del sistema sociale, un pidocchio che vive alle spalle della società sempre “laboriosa” e giusta. Non vogliamo assolutamente difendere chi abusa del sistema. Gli abusi, in tutti i settori, vanno sempre combattuti e contrastati con gli strumenti previsti dalla legislazione vigente. Ci chiediamo, semplicemente, se sia giusto – rovesciando i termini di un bruttissimo detto – “colpirne cento, per educarne uno”. Non lo riteniamo giusto e per questo motivo il prossimo fine settimana invitiamo a votare no a questa legge – parafrasando Couchepin – iniqua, scorretta e socialmente insostenibile.

Pubblicato

Venerdì 15 Novembre 2002

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019