< Ritorna

Stampa

 
Eurovisioni

Invisibili e indispensabili

di

Andreas Rieger

Erano più di mezzo milione in tutta Italia gli addetti del comparto delle imprese di pulizia, servizi integrati e multiservizi che lo scorso 13 novembre hanno dato vita ad uno sciopero nazionale: sono donne e uomini che si occupano di pulire ed igienizzare ospedali, scuole, università, fabbriche, mezzi di trasporto, uffici pubblici e privati. La maggior parte di loro è pagata all’ora, con 7 euro. Il salario e le indennità sono fermi da 7 anni, cioè da quando è scaduto il contratto collettivo nazionale, che la controparte padronale si rifiuta di rinnovare.


Con il coronavirus il lavoro in questo settore è diventato ancora più duro: il personale è continuamente sollecitato, è chiamato a compiti di pulizia supplementari e necessita di misure di protezione rafforzate. Per la prima volta è diventato visibile quanto queste professioni abbiano una rilevanza sistemica e siano irrinunciabili. Ma di aumenti salariali o di gratifiche non si è visto nulla. Anzi, negli ospedali il lavoro supplementare in parte non è nemmeno stato retribuito. E ad alcuni, per ragioni di risparmio, è stato ridotto il numero di ore di lavoro garantite.


Tutto questo ha portato al superamento della soglia di sopportazione. Nonostante la seconda ondata della pandemia, i lavoratori hanno incrociato le braccia rispondendo all’appello dei sindacati Cgil, Cisl e Uil. Sono scesi nelle piazze di un centinaio di città italiane per protestare contro il mancato riconoscimento delle loro professioni. “Invisibili e ultimi – mai più”, “Più certezza, più dignità”, recitavano i cartelli scritti a mano portati dagli scioperanti. “Ci trattano come l’ultima ruota del carro e il nostro lavoro non è riconosciuto. Non pretendiamo di essere considerati come un treno intero, ma siamo una sua parte importante”, ha sintetizzato una dimostrante.


Quello dei multiservizi non è l’unico contratto nazionale che non viene più rinnovato da anni. In Italia più dell’80 per cento delle lavoratrici e dei lavoratori continua a sottostare alla contrattazione collettiva. Ma Confindustria, sotto la guida di Carlo Bonomi, si rifiuta sistematicamente di rinnovare i contratti nazionali allo scopo di favorire il più possibile una contrattazione a livello di singola azienda, dove i sindacati sono più deboli.

Pubblicato

Giovedì 19 Novembre 2020

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 23 Settembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019