< Ritorna

Stampa

 
Eurovisioni

In Europa si torna a scioperare

di

Andreas Rieger

Hanno dovuto scioperare 112 giorni per giungere finalmente a un esito positivo i 2.000 lavoratori delle cartiere finlandesi Upm che in gennaio sono scesi sul terreno di lotta con il loro sindacato Paperiliitto. La posta in gioco era alta: la multinazionale voleva rompere con la tradizione finlandese di regolamentare le condizioni di lavoro attraverso i contratti collettivi per i vari rami economici. Upm voleva in particolare estendere l’orario di lavoro e quindi ridurre il salario orario del 20 per cento. Pretendeva inoltre di escludere 500 dipendenti dal contratto collettivo in quanto “quadri”. Ma i dirigenti del colosso della carta non si aspettavano che il sindacato sarebbe stato in grado di condurre uno sciopero a oltranza e capace di estendersi, fino a raggiungere 3.000 scioperanti. Alla fine, in aprile, Upm ha dovuto accettare una proposta di conciliazione. Ora vi sono diversi contratti collettivi aziendali, che però dal punto di vista contenutistico rispettano i livelli delle condizioni previste per i rami interessati. E all’estensione dell’orario di lavoro e all’esclusione di una parte dei dipendenti Upm ha dovuto rinunciare.


In Europa si torna a scioperare. Anche se non tanto quanto accadeva negli anni Settanta. Dopo il picco di quel periodo la curva delle agitazioni sindacali è scesa ovunque, ma nell’ultimo decennio vi è stata una stabilizzazione, eccezione fatta per l’anno 2020 segnato dalla pandemia. Sono i sindacati di Belgio, Francia e Italia ad avere la maggiore capacità di mobilitazione. In Austria, Svezia ed Europa dell’Est è per contro molto più debole. Al pari – e non a sorpresa – che in Svizzera. In mezzo, in un ampio centrocampo, si collocano Finlandia, Norvegia, Danimarca, Spagna, Portogallo e altri.


Anche i sindacati tedeschi appartengono a questo centrocampo. Da tempo, come in Svizzera, perdono lentamente membri, ma la loro capacità di sciopero non è diminuita. Più volte abbiamo riferito delle azioni sindacali nell’industria tedesca e nel settore dei servizi. Una novità significativa è che nei servizi lo sciopero non è più una cosa per “uomini duri”: ora le donne rappresentano la maggioranza degli scioperanti! Lo scorso anno si sono distinti gli scioperi negli ospedali di Berlino. Negli ultimi mesi, il sindacato Ver.di ha organizzato scioperi a livello nazionale con 80.000 partecipanti negli asili nido e nei doposcuola. E con successo, visto che a maggio è stato rinnovato e migliorato il contratto collettivo per gli oltre 300.000 dipendenti di queste strutture e delle istituzioni sociali.

Pubblicato

Giovedì 2 Giugno 2022

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019