< Ritorna

Stampa

La psicoterapeuta

Il prezzo dell'isolamento sociale

Per bambini e anziani è particolarmente difficile. «La routine aiuta a contenere l'ansia», spiega la dottoressa Norma Bargetzi

di

Veronica Galster

In questo momento di disorientamento generale è difficile capire cosa ci spinge a reagire in un modo o nell’altro, come spiegare ai bambini cosa sta accadendo, ma senza spaventarli, come far capire agli anziani che devono stare in casa per proteggere sé stessi e la società. area ha cercato di mettere a fuoco la situazione con Norma Bargetzi, psicoterapeuta.

 

Signora Bargetzi, fino alla scorsa settimana molte persone, giovani e anziani in particolare, hanno continuato a uscire di casa senza osservare le raccomandazioni delle autorità, perché secondo lei?
La negazione è uno dei meccanismi principali di difesa e in questa situazione, soprattutto all’inizio, lo si è visto molto: persone che tendevano a minimizzare quanto stava accadendo, con il rischio però di banalizzare anche le misure di precauzione emanate dalle autorità. Credo che anche il nostro sentimento di onnipotenza abbia giocato un ruolo e ci stia mettendo in difficoltà di fronte a questo virus che invece sta rivelando tutta la nostra vulnerabilità.


Paradossalmente però, proprio agli inizi del contagio alle nostre latitudini, l’impressione era che la prudenza a non spostarsi in zone “a rischio” venisse proprio da quella generazione che poi ha faticato a capire che doveva restare chiusa in casa.
Le persone anziane sono molto più vulnerabili a livello fisico e forse più sensibili in generale, quindi in questo contesto sono coloro che per prime hanno drizzato le antenne sentendo quanto stava succedendo, visto che fin dall’inizio si è detto che rappresentano la categoria di persone più a rischio. Poi ce ne è stata una parte che forse ha faticato di più degli altri a capire quanto fosse importante restare a casa. Credo che l’appello dell’ex consigliera federale Widmer-Schlumpf, presidente di Pro Senectute, sia stato importante nel far capire a questa categoria di persone che stare in casa era un gesto volto sì a proteggere sé stessi, ma anche un atto di solidarietà: ok, tu anziano ritieni di aver vissuto la tua vita e non ti interessa se muori per questo virus, ma puoi infettare altre persone che invece vogliono continuare a vivere, e potresti occupare un posto prezioso in ospedale.


In passato le situazioni di emergenza erano più che altro legate alla guerra, ma a differenza di quanto stiamo vivendo ora le famiglie si riunivano e si stava tutti assieme per confortarsi e superare fisicamente vicini i momenti difficili. Oggi siamo più soli?
Siamo fisicamente lontani, ma non c’è isolamento: abbiamo la possibilità di essere vicini in altro modo: con il telefono, le videochiamate, le lettere e le e-mail. Sì, manca l’importante dimensione fisica, ma abbiamo la tecnologia che ci sta aiutando. Poi si stanno creando anche delle bellissime iniziative di solidarietà, si stanno creando molte cose belle a livello sociale. Trovo che abbiamo tantissimi contatti sociali in questo momento in realtà.
Una dimensione che in tutto questo personalmente mi spaventa è invece la solitudine nel confrontarsi con la morte. Dovremmo sfruttare l’occasione per discutere con i familiari di questo tema ancora molto difficile da affrontare apertamente, magari anche dire se si vuole essere ricoverati rischiando di morire soli, o se si preferisce restare a casa.


Se per gli adulti questa è una situazione difficile, non è facile nemmeno per i bambini. Come possiamo aiutarli a capire cosa sta succedendo?
Ogni fascia d’età ha una diversa capacità di comprendere, per i più piccoli (scuola dell’infanzia ed elementare) questo virus è qualcosa di assolutamente difficile da capire perché loro funzionano molto sul concreto, su quello che possono vedere e toccare. Anche per loro è cambiata la quotidianità, sono cambiati i contatti sociali ed è difficile spiegare perché, ma trovo siano nate diverse iniziative anche creative per cercare di far capire ai bambini cosa sta succedendo, con storielle e filastrocche.


Quanto è importante creare una routine anche se si è a casa?
Credo sia molto importante perché contribuisce a contenere l’ansia, anche per noi adulti. Penso che prendere un ritmo “da vacanza” ora sia illusorio: in vacanza si fanno altre cose, perciò cercare di mantenere i ritmi di quando si va a scuola, soprattutto nei pasti e nei rituali dell’andare a dormire li aiuta sicuramente.

Bisogna poi lasciar loro degli spazi per esprimere quello che stanno vivendo: con disegni, storie, lavoretti, senza dar loro un tema o delle indicazioni precise, semplicemente mettendo loro a disposizione il materiale per farlo e lasciare che si esprimano.


È difficile far capire ai bambini che non possono giocare con i loro amici, non possono abbracciare i nonni, se incontrano altri bambini per strada devono stare distanti... Come possiamo farlo?
Per i bambini il contatto corporeo è fondamentale ed è difficile per loro capire perché ora non è possibile, ma bisogna mettere delle regole, come quando un bambino sale sul davanzale di una finestra: prima lo si tira giù dal davanzale, poi eventualmente si spiega. Così ora, la regola è che si mantengono le distanze anche se è difficile, ma poi torneremo ad abbracciarci e giocare tutti assieme.
Penso sia una grande sfida per molti genitori conciliare lavoro e famiglia in casa, gestire le frustrazioni, il nervosismo, senza avere spazi per sfogarli al di fuori delle mura domestiche. A pagare di più questo prezzo sono le fasce meno agiate della popolazione, che hanno meno mezzi economici, spesso vivono in abitazioni più piccole e a volte hanno meno risorse anche a livello di gestione delle situazioni.

Pubblicato

Giovedì 26 Marzo 2020

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 20 Gennaio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019