< Ritorna

Stampa

 

Il pisin

di

Area
Metti che, confrontate con le pesanti ristrutturazioni dovute alla liberalizzazione del mercato, gli operai delle Officine Ffs di Bellinzona scioperassero. È solo un'ipotesi, ben inteso. Potresti star sicuro che tutti i politici ticinesi di ogni partito si schiererebbero a fianco degli scioperanti. Metti poi, e anche questa è solo un'ipotesi, che nel contempo al Consiglio nazionale si dovesse votare sulla privatizzazione della polizia ferroviaria. Penseresti che per coerenza tutti i politici ticinesi dovrebbero votare di no. Perché se un Fulvio Pelli, un Ignazio Cassis, una Chiara Simoneschi-Cortesi o un Meinrado Robbiani votassero di sì, potresti pensare solo due cose: o sono scemi, oppure sono degli impostori. E se poi scoprissi che Attilio Bignasca e Fabio Abate non hanno votato, potresti pensare una sola cosa: che gli è scappato il provvidenziale pisin al momento giusto. Se la saranno fatta sulle scarpe per il nervosismo, i due, sperando di non perdere la faccia. Ma ovviamente queste sono solo ipotesi: tutti sanno che la coerenza è una dote molto apprezzata nei politici.

Pubblicato

Venerdì 21 Marzo 2008

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022