< Ritorna

Stampa

 

Il pisin

di

Area
Metti che, confrontate con le pesanti ristrutturazioni dovute alla liberalizzazione del mercato, gli operai delle Officine Ffs di Bellinzona scioperassero. È solo un'ipotesi, ben inteso. Potresti star sicuro che tutti i politici ticinesi di ogni partito si schiererebbero a fianco degli scioperanti. Metti poi, e anche questa è solo un'ipotesi, che nel contempo al Consiglio nazionale si dovesse votare sulla privatizzazione della polizia ferroviaria. Penseresti che per coerenza tutti i politici ticinesi dovrebbero votare di no. Perché se un Fulvio Pelli, un Ignazio Cassis, una Chiara Simoneschi-Cortesi o un Meinrado Robbiani votassero di sì, potresti pensare solo due cose: o sono scemi, oppure sono degli impostori. E se poi scoprissi che Attilio Bignasca e Fabio Abate non hanno votato, potresti pensare una sola cosa: che gli è scappato il provvidenziale pisin al momento giusto. Se la saranno fatta sulle scarpe per il nervosismo, i due, sperando di non perdere la faccia. Ma ovviamente queste sono solo ipotesi: tutti sanno che la coerenza è una dote molto apprezzata nei politici.

Pubblicato

Venerdì 21 Marzo 2008

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019