< Ritorna

Stampa

 

Il mio padrone

di

Anna Biscossa
«Non so come faccia ad essere ancora socialista!  Ma come fa a credere ancora in un'idea così? Cosa vuole che si riesca a cambiare senza avere in mano il potere, per lo meno un bel po' di potere? Siete sempre in minoranza! E poi, scusi, ma c'è una cosa che non mi è affatto chiara. Lei continua a chiamare il mio capo "datore di lavoro". Invece è solo il mio padrone!»
«Perché?»
«Beh, la mattina mica mi chiede cosa vogliamo fare. Mi dice sempre cosa fare e come farlo, mi dice che dobbiamo fare in fretta, mi dice che davanti ai clienti devo comportarmi in un certo modo, se sbaglio mi richiama e mi dice di rimettere le cose a posto. Non mi permette di fumare durante il lavoro, mi costringe a indossare le cuffie se facciamo rumore con i macchinari, la maschera per il decespugliatore...
«E queste ultime "imposizioni" non te le proporrà  forse per proteggere la tua salute? E più in generale,  tutte queste cose che ti costringe a eseguire fanno davvero di lui il tuo padrone? Se è il tuo padrone vuol dire che utilizza il tuo lavoro, il tuo tempo, le tue energie solo a suo vantaggio. È davvero così?»
«A me pare. Beh, non si prende proprio tutto. In ­real­tà, mi dà anche un po' di cose. Mi insegna cosa fare sul lavoro, i nomi delle piante, come bisogna comportarsi in certe occasioni, mi porta con lui per vedere nuove macchine da comperare... Ma non abbiamo un rapporto alla pari, e questo non mi piace.»
«Ma tu questo mestiere lo stai imparando. Credi che se aveste un rapporto alla pari le cose andrebbero meglio? Impareresti di più? O forse meglio?»
«Non lo so. Anzi forse no, pensandoci su ! Ma che casino! Non so più cosa pensare! Forse non è il mio padrone. Ho detto una bestiata. Forse sono io che mi sento un po' il suo servo. E questo è anche peggio! Che imbecille!»
«Hai ragione. Non sull'imbecille, ma sul resto sì. Se lui si comportasse da padrone, si potrebbe intervenire e raddrizzare le cose, ma se tu ti senti un po' un servo il problema è più complesso. Perché sei tu che devi metterci una pezza. Tu sei il suo apprendista. E soprattutto tu sei il padrone della tua formazione. Sei tu in prima persona che te la costruisci. E devi essere tu a pretendere il massimo da lui, chiedendo, facendoti avanti per provare, per capire, per imparare. Ma questo costa fatica a te: ci devi mettere energia, volontà e tanta voglia di fare... E costa fatica anche a lui. Ma è molto importante. Poi se avessi bisogno di aiuto...»
«E alla fine cosa mi resterà? Oltre all'aver imparato il mestiere (ammesso che me lo insegni bene!)? È difficile che mi tenga, finito l'apprendistato!»
«Ti resterà tutto quello che vorrai e sarai capace di conquistarti! E può essere tantissimo. Essere cosciente delle tue capacità, dei tuoi diritti (e anche dei tuoi doveri!), delle tue competenze professionali e personali, delle tue potenzialità, delle tue prospettive future. Di te, insomma!»
«Ma come la mettiamo con i padroni veri?»
«Sta a te non averli mai! O meglio non accettare mai che si impossessino di te e del tuo tempo.»
«Ma non basta.»
«Hai ragione!»
«Serve un cambiamento di fondo, radicale. Adesso finisco l'apprendistato e poi... La settimana prossima le spiego perché deve cambiar partito. Vedrà! La convincerò!»

A scuola, una mattina di inizio marzo del 2012.

Pubblicato

Venerdì 30 Marzo 2012

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019