< Ritorna

Stampa

Sanità

Il dottore prescrive: voti sì

Franco Denti, a capo dell’Ordine dei medici, sulla cassa malati unica: “Una via percorribile per una migliore sanità”

di

Raffaella Brignoni

Ci siamo. Le urne sono aperte. In gioco questa volta c’è la nostra pelle. Si vota sulla cassa malati unica federale. Abbiamo incontrato Franco Denti, che il sistema lo conosce dall’interno, per farci spiegare le ragioni per cui occorre votare sì


Dottor Denti, la Federazione dei medici svizzeri ha deciso di non diramare indicazioni di voto sull’iniziativa popolare “Per una cassa malati pubblica”. Lei, che è anche presidente dell’Ordine dei medici del Canton Ticino, si è espresso, seppur a titolo personale, a favore di una cassa federale. Perché questa sua discesa in campo?


Perché, oltre a essere un medico con a cuore il bene dei pazienti, sono anche un politico eletto dal popolo ticinese per fare l’interesse della collettività. Per questi due motivi ho deciso di profilarmi senza però partecipare a dibattiti pubblici. È vero che la Fmh ha dato libertà di voto, ma allo stesso tempo ha sottolineato che l’odierno sistema non funziona più e questo è un elemento significativo.


La campagna dei contrari ha usato slogan di presa come “no al medico della mutua” o “no a un sistema sanitario all’italiana”. E, ça va sans dire, “no alla trappola rossa”. Lei che non rappresenta una voce di sinistra, ci spiega perché è cosa buona e giusta votare sì?


Lo è nell’interesse degli assicurati, vale a dire dei pazienti e dei cittadini. Ovvio, non di chi vuole guadagnare sulla sanità. L’accusa che una cassa federale sottrarrebbe la libertà di scelta del medico è da rimandare al mittente. Sono proprio i contrari all’iniziativa che vogliono andare in questa direzione. L’esempio lampante lo abbiamo avuto la scorsa settimana a Berna quando la Camera bassa ha approvato la mozione di Jürg Stahl, consigliere nazionale Udc, che introduce la libertà di contrarre per le casse malattia. Questo significa che le casse avranno la possibilità di decidere a quali medici rimborsare le prestazioni e conseguentemente verrà a mancare anche la libera scelta dell’ospedale.  Il fatto che la votazione sia avvenuta proprio a ridosso del 28 settembre la dice lunga sullo scenario che si configurerà, se verrà dato tutto il potere in mano agli assicuratori malattia. Le cito un dato pubblicato in questi giorni da Liberté: il 15% dei membri del Nazionale sono legati alle casse malati. C’è da chiedersi se facciano gli interessi di queste ultime o dei cittadini che rappresentano... Di sicuro, se anche gli Stati diranno sì a questa iniziativa, la Fmh lancerà un referendum.


Insomma, già ora è minacciata la libertà di scelta del medico. Quindi, secondo lei, è meglio separare la Lamal dalle prestazioni complementari, che continuerebbero a essere gestite dagli oltre 60 enti assicurativi già attivi...


Ma certo! Questo darebbe un input alla sanità, creando una vera concorrenza fra le casse malati per migliorare le prestazioni complementari. Ora le casse malati ricevono in maniera gratuita tutte le informazioni del cliente attraverso l’assicurazione obbligatoria Lamal. E sulla base di questi dati stabiliscono a quali prestazioni complementari può avere diritto. Per questo non funziona la selezione dei rischi... Troppo facile accaparrarsi  i giovani, sani e belli scelti direttamente fra i propri clienti Lamal e scaricare gli altri o rendere impossibile a molti l’accesso alle assicurazioni complementari una volta raggiunta una certa età. Per cui, dopo anni in cui si è pagato puntualmente quanto dovuto, ci si può ritrovare di punto in bianco ad avere unicamente la Lamal. E quale Lamal ci aspetta, se questa verrà svuotata dei suoi contenuti, a favore delle prestazioni delle assicurazioni complementari?


Il problema non è a monte? La Lamal è un’assicurazione di diritto pubblico con attori privati...


È stata una scelta del Legislatore e del popolo svizzero che ha funzionato fintanto che ai vertici degli enti assicurativi hanno seduto direttori che avevano in chiaro il mandato della Lamal: un’assicurazione sociale, obbligatoria, basata sulla solidarietà fra le generazioni. La Lamal dovrebbe essere no profit, ma a un certo punto questo principio è saltato, e si è iniziato a gestirla con criteri manegeriali con l’intenzione di ottenere il massimo profitto. Da qui tutte le aberrazioni del sistema con medicamenti dell’ultima generazione – e lo vediamo soprattutto nel campo dell’oncologia anche pediatrica – che non vengono somministrati ai pazienti perché le casse malati non li rimborsano essendo molto cari. Lo trovo spaventoso e questo accade negli ospedali svizzeri. Con la cassa federale questo non potrà più accadere.


Eppure, Paolo Beltraminelli, tra l’altro del suo stesso partito (Ppd), sostiene il contrario. Citiamo da un’intervista rilasciata dal ministro  della sanità: “La cassa malati unica è la porta aperta alla medicina a due velocità con i benestanti che potranno pagarsi tutte le cure e i meno abbienti indirizzati in corsia”. A noi sembra un paradosso, ma magari non comprendiamo... Che cosa replica?


Che Beltraminelli probabilmente ha confuso la campagna per la cassa malati con quella per il Consiglio di Stato. Constato che un ministro cantonale si è dato tanto da fare, esponendosi in prima persona in dibattiti pubblici, a difesa di un tema federale. L’onorevole Beltraminelli si è dimenticato di essere il ministro di un cantone, il Ticino, che ha pagato premi stratosferici? Oggi abbiamo già una medicina a due corsie, dando più potere agli assicuratori privati, che non si pongono come obiettivo la socialità,  l’avremo a tre o quattro corsie. Veda un po’ Beltraminelli... Se oggi centomila ticinesi ricevono il sussidio, significa che qualcosa non va. Sempre più lo Stato deve intervenire per aiutare la popolazione a pagare i premi. Con la cassa malati unica, se lo Stato pagherà i premi, li sussidierà in maniera corretta.  


A proposito di costi, questa è una delle questioni centrali per gli assicurati, i premi scenderanno o non scenderanno? Soprattutto in Ticino dove abbiamo pagato anche per cantoni più ricchi di noi…


Nel 2014 l’Ufficio federale della sanità ha chiaramente detto che ci sarà un aumento. La crescita dei premi sarà conforme ai costi della salute nell’ordine del 2,5 per cento. Questo avverrrà in ogni caso. Con una cassa unica non saranno però più permesse certe impennate e ciò a beneficio soprattutto di anziani e malati cronici. Inoltre, ciò che preme ai ticinesi, sarà soddisfatto. Il progetto prevede che ogni cantone avrà un consiglio di amministrazione in cui saranno presenti fornitori di prestazioni, Stato, assicuratori. Bene, vi sarà un controllo dettagliato a livello cantonale sui costi. Ed è appunto ciò che vogliamo in Ticino: pagare per ciò di cui davvero usufruiamo.

Pubblicato

Giovedì 25 Settembre 2014

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Mercoledì 23 Giugno 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019