< Ritorna

Stampa

 

Il coloratissimo mondo di Agata

di

Gianfranco Helbling
Da tre film Silvio Soldini non manca un colpo. Dapprima con il fortunatissimo “Pane e tulipani” (1999), poi con il più sofferto ma non meno riuscito “Brucio nel vento” (2001), ora con il nuovamente leggero ma non banale “Agata e la tempesta” il regista milanese, al ritmo di un film ogni due anni, dimostra di aver raggiunto una notevole solidità artistica. Una solidità che era stata promessa fin dal 1990 con quel premonitore e in qualche modo visionario “L’aria serena dell’Ovest” ma che poi, nei due film successivi, era andata smarrendosi in una strana spirale involutiva. Con “Agata e la tempesta” (in distribuzione attualmente in Ticino e dalla fine di maggio anche nella Svizzera tedesca) Soldini conferma che il successo di critica e di pubblico di “Pane e tulipani” non fu un caso ma che, del suo bagaglio registico, fa ormai parte stabilmente la capacità di cambiare registro con sicurezza e disinvoltura. Protagonista del film è uno strano personaggio al cui passaggio saltano tutte le lampadine: Agata (interpretata da una sempre più convincente Licia Maglietta) ha 44 anni e dirige una libreria. Dopo aver iniziato una problematica relazione con un ventottenne la sua vita viene sconvolta da un’improvvisa rivelazione. Il suo amato fratello Gustavo, che è anche il suo migliore amico, scopre di essere in realtà il figlio illegittimo di una povera contadina che non poteva crescerlo. È Romeo, folcloristico rappresentante di orribili abiti e suo vero fratello, che gli racconta la scomoda verità. Ad Agata e Gustavo non resta altro che cercare di conoscere la famiglia di origine di Gustavo e provare ad iniziare una nuova vita, che si rivela piena di sorprese, non tutte necessariamente piacevoli. In realtà non ha molto senso insistere sulla trama. Perché a Soldini e ai suoi cosceneggiatori (Doriana Leondeff e Francesco Piccolo) né il “messaggio” né la coerenza del racconto interessavano più di tanto (basti pensare alle evidenti e improbabili scorciatoie prese proprio in fase di scrittura). Loro hanno badato a fare un film piacevole, e ci sono perfettamente riusciti. “Agata e la tempesta” è un divertimento intelligente ma non intellettualistico, un film ludico che gioca ad esempio con i libri piuttosto che con gli oggetti, usciti chissà come dal cianfrusagliaio modernista degli anni ’60 per sconvolgere la quotidianità di un mondo, quello di oggi, ad alta tecnologia ma a bassissima capacità di comunicazione. Soprattutto però il nuovo film di Soldini gioca con i colori, che sono tanti, vivi, debordanti, forti di una solarità mediterranea, quasi che il regista volesse rimuovere dalla sua vita i grigi e gli azzurri spenti delle nebbie svizzere filmate in “Brucio nel vento”. “Agata e la tempesta” è dunque soprattutto una fiaba, da prendere così com’è, senza metterne in discussione la coerenza perché non avrebbe senso. Ed è girata molto bene e non senza qualche colpo di genio e di mestiere, come la scena dell’incidente finale, che risolve tutto con una giravolta (e finisce per strizzare l’occhio, se vogliamo, a Emir Kusturica). Un solo appunto serio a Soldini va fatto: la durata, due ore. Qualche minuto in meno non avrebbe guastato, anche se quelle che offre sono due ore piacevoli. Da notare infine che “Agata e la tempesta” è stato coprodotto dalla Amka Films di Savosa e dalla Tsi. Il cinema svizzero fa fatica, resiste più che esistere, ma sa lavorare con intelligenza.

Pubblicato

Venerdì 7 Maggio 2004

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 29 Settembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019