< Ritorna

Stampa

 

Il Ticino si mobilita, ora tutti sanno dov'è

di

Bruno Clément
Nella testa di molti Svizzeri della “Svizzera interna” – romandi o tedeschi – il Ticino è una collezione di clichés. Innanzitutto, e senza dubbio, è l’immagine soleggiata del Sud, un Sud di casa nostra. Ci sono le palme e i grotti, si mangia il brasato e si beve il merlot. Ma i Ticinesi – quando non parlano l’italiano o il dialetto – parlano anche molto bene lo “schwitzerdütsch” e il francese. E inoltre, siccome ci sono pure la Migros e la Coop, siamo al sicuro. Insomma, siamo allo stesso tempo fuori da casa nostra e a casa nostra. Niente di meglio per soddisfare sia il gusto del viaggio sia quello dell’assicurazione contro tutti i rischi che è l’appannaggio di una cultura nazionale. Il problema con gli stereotipi è che oscurano la realtà e non contribuiscono a una vera conoscenza reciproca degli abitanti dell’Elvezia, conoscenza che è fondamento della comprensione e di un affetto sincero. Oh, certo, abbiamo anche sentito parlare, nella regione di Zurigo e in Romandia, del cosiddetto “scandalo di Chiasso” – che, per un superbo gioco semantico, non è mai diventato lo “scandalo del Crédit Suisse” – degli agitatori della Lega, di alcuni politici e di un giudice corrotti, o dell’incendio che ha divorato parte del Monte Brè. Ma queste informazioni sparse e non contestualizzate hanno rafforzato i clichés piuttosto che fatto conoscere la realtà umana, sociale, politica ed economica del Ticino. Per l’autore di queste righe – innamorato da tempo del Ticino e dei suoi abitanti – non si tratta evidentemente di denigrare il cantone più meridionale della Svizzera. Ma per amare, bisogna veramente amare, cioè continuare ad amare dopo la prima delusione. E anche dopo l’ennesima… Così, non è fare un torto ai Ticinesi – e alle Ticinesi, certamente – affermare che Lugano è un perfetto esempio di ciò che possono provocare trent’anni di potere liberale-radicale su una città. In effetti, Lugano è una città distrutta nella sua anima e nella sua storia, diventata una specie di Manhattan, regno del cemento e delle banche, con qualche edificio vistoso o “falso-vecchio” e un centro storico ridotto a scenografia teatrale. Da oltre vent’anni il Ticino, sotto la spinta dei partiti di destra, cinghie di trasmissione dei global leaders, come si chiamano adesso i borghesi, è diventato un laboratorio del neoliberalismo dove regna il trionfo della merce, del denaro e dell’ognuno per sé. Si taglia nelle spese pubbliche – e in particolare quelle dedicate alla salute, all’azione sociale e all’educazione – si tengono al guinzaglio i salariati e i giovani, si dimenticano i pensionati – dato che non nuotano nell’oro – si lascia sviluppare il populismo come diversivo alle ingiustizie e alle disuguaglianze. Allo stesso tempo, il Ticino è un passo avanti nella resistenza al liberismo. Non è straordinario che 4 mila persone abbiano manifestato una domenica a Bellinzona contro il colpo di stato con cui si voleva privare Patrizia Pesenti di buona parte delle sue responsabilità? Non è incredibile vedere le scuole ticinesi paralizzate dallo sciopero di docenti e studenti, con la benedizione dei genitori, lo scorso 12 novembre? Il problema è che queste notizie non hanno superato – o l’hanno fatto solo in maniera parziale – il Gottardo e la Novena. C’è da sperare che il formidabile movimento sociale che si è costituito nelle strade di Bellinzona il 3 dicembre abbia un tale clamore che, stavolta, si senta anche a Ginevra e a San Gallo. Allora, ai quattro punti cardinali dell’Elvezia, impareremo di nuovo a cantare “Addio Lugano bella” – l’inno di Pietro Gori, vero pezzo del patrimonio del movimento operaio internazionale – e sapremo perché!

Pubblicato

Venerdì 19 Dicembre 2003

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019