< Ritorna

Stampa

 

Il Maestro Gisen, Kuhn e la palla

di

Libano Zanolari
di Libano Zanolari
giornalista

2500 anni fa il discepolo Gessha vede il maestro zen Gisen giocare a palla e gli fa una domanda di grande attualità: "perché la palla rotola?" "Perché è libera, la palla è l'autentica libertà". Non contento il discepolo, con la santità dei bimbi che vogliono sapere tutto, gli chiede ancora il perché. Gisen risponde: "la palla è libera perché è rotonda. Può rotolare ovunque, in qualsiasi direzione, liberamente,  inconsapevolmente,  naturalmente".
Quando consegniamo questo "mondo" buddhista il 13.06.08 Koebi Kuhn ha vissuto per l'ennesima volta un piccolo dramma (altri sono i veri). La palla rossocrociata non è mai rotonda, sfugge sempre alla filosofia zen: la palla di Kuhn è un paradosso; ha realizzato la quadratura del cerchio, quando viene calciata subisce una kafkiana metamorfosi: è sempre quadrata: di conseguenza non rotola. E consegna alla storia l'ennesima sconfitta, anzi l'ennesima onorevole sconfitta, perché la squadra si è battuta, non ha demeritato. Ma la palla per i nostri avversari cechi e turchi è sempre stata se non proprio rotonda perlomeno un po' meno quadrata. Ora il popolo rossocrociato si ergerà a giudice del povero Kuhn che non ha cavato sangue dalle rape, che ha cucinato quanto gli passava il convento dei carmelitani scalzi in tempo di crisi.
"Era scontato" si dirà "Kuhn andava sostituito prima". Se invece la squadra fosse andata nei quarti, con un libero voltafaccia degno della palla che può rotolare ovunque, la gente avrebbe detto:  "la qualifica è la logica conseguenza di quanto abbiamo imposto a Kuhn: la destituzione di Zuberbühler e la sua sostituzione con Benaglio". Ma se secondo la filosofia Zen, la palla è l'essenza della libertà, come possiamo contestare i tifosi che mutano opinione ad ogni pié sospinto, ad ogni giro di palla? I nostri "uregiatt" sono buddisti? Si veda un po' quanto è difficile per noi europei cartesiani capire il "nulla, il vuoto originario" zen.
Anzi: la nostra filosofia del calcio è esattamente l'opposto e si può riassumere con una semplice formula matematica: la squadra che manda la palla in rete una volta in più rispetto all'avversario ha vinto la partita. E non importa come: il tiro bellissimo da 30 metri, la rovesciata, lo slalom in dribbling, il colpo di tacco, ha lo stesso valore di un rimpallo sul calcagno o sul gluteo destro. Inoltre la palla, secondo i tecnici che hanno ormai sostituito la mitica lavagna con il computer, non rotola "in qualsiasi direzione, liberamente, inconsapevolmente" ma esattamente nella direzione stabilita dai Kuhn e soci secondo lo schema scelto: 4-4-2, 4-1-4-1, 4-2-3-1. C'è una sola imposizione: il totale fa 10. Solo il portiere sta al suo posto. I ragazzi che vorrebbero divertirsi con la palla vengono redarguiti da sedicenti tecnici che li ingabbiano e li costringono a un compito limitato e definito. Non c'è posto per la creatività,  per il gioco nel vero senso della parola. Il gioco del buddismo zen? Ed eccoci alla clamorosa contraddizione: se noi abbiamo costretto la palla a muoversi come vogliamo noi, se la palla calciata dai giocatori segue delle traiettorie studiate, predeterminate al computer, perché diciamo ancora che la palla è rotonda? Per giustificare la sconfitta? Ed eccoci alla chiusura del cerchio (del regista del Fc Efeso Eraclito): "un punto in un cerchio segna nello stesso tempo l'inizio e la fine". E dunque non c'è né inizio né fine.
Non è la stessa cosa che parlare dell'assoluta libertà, dell'ineffabilità della palla? A questo punto la faccenda si fa troppo complicata: anzi, per dirla tutta, mi sento male e mi scuso con i veri fans: vince chi segna di più, non rendiamo la vita troppo complicata, e poi se la palla non è entrata nella porta giusta il problema è facilmente risolvibile facendo ricorso alla filosofia: "ul balon l'è rodoond".

Pubblicato

Venerdì 20 Giugno 2008

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 22 Ottobre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019