< Ritorna

Stampa

 

I sommersi e i salvati

di

Chiara Orelli Vassere

Papa Francesco ha accolto pochi giorni fa a Lesbo 12 rifugiati siriani, e li ha portati a Roma. Ancora 12 profughi erano stati protagonisti il 24 marzo, nella messa del giovedì santo, del tradizionale rito della lavanda dei piedi: in un evidente e certamente voluto e riproposto simbolismo apostolico, quasi a voler designare e indicare con forza e inequivocabilmente i veri e propri “inviati” del Vicario di Cristo e del suo messaggio di solidarietà e accoglienza. Apostolo, cioè inviato di Cristo, o Rasul, messaggero nell’Islam (Maometto è il messaggero, l’apostolo di Allah): davvero nessuna differenza nel fatto che siano cristiani o musulmani i sommersi e i salvati, accomunati come sono nella loro essenza di vittime e insieme nel loro essere pietra di scandalo per ogni credente nell’umanità e nella giustizia.


I sommersi e i salvati è anche il titolo di un saggio di Primo Levi, l’ultimo da lui scritto prima di darsi la morte, in cui egli descrive e analizza l’universo concentrazionario di cui ebbe tragica esperienza diretta negli anni bui della seconda guerra mondiale. Così scrive Primo Levi in quel suo testamento spirituale: «E c’è un’altra vergogna più vasta, la vergogna del mondo. È stato detto memorabilmente da John Donne, e citato innumerevoli volte, a proposito e no, che “nessun uomo è un’isola”, e che ogni campana di morte suona per ognuno. Eppure c’è chi davanti alla colpa altrui, o alla propria, volge le spalle, così da non vederla e non sentirsene toccato: così hanno fatto la maggior parte dei tedeschi nei dodici anni hitleriani, nell’illusione che il non vedere fosse un non sapere, e che il non sapere li alleviasse dalla loro quota di complicità o di connivenza. Ma a noi lo schermo dell’ignoranza voluta, il “partial shelter” di T. S. Eliot, è stato negato: non abbiamo potuto non vedere. Il mare di dolore, passato e presente, ci circondava, ed il suo livello è salito di anno in anno fino quasi a sommergerci. Era inutile chiudere gli occhi o volgergli le spalle, perché era tutto intorno, in ogni direzione fino all’orizzonte.
Non ci era possibile, nè abbiamo voluto, essere isole; i giusti fra noi, non più nè meno numerosi che in qualsiasi altro gruppo umano, hanno provato rimorso, vergogna, dolore insomma, per la colpa che altri e non loro avevano commessa, ed in cui si sono sentiti coinvolti, perché sentivano che quanto era avvenuto intorno a loro, ed in loro presenza, e in loro, era irrevocabile.
Non avrebbe potuto essere lavato mai più; avrebbe dimostrato che l’uomo, il genere umano, noi insomma, eravamo potenzialmente capaci di costruire una mole infinita di dolore; e che il dolore è la sola forza che si crei dal nulla, senza spesa e senza fatica.»


I salvati da papa Francesco; i sommersi nel “mare di dolore” che ci sta intorno, tutto attorno a noi. Come non leggere in queste terribili e insieme bellissime parole un profetico sguardo verso il futuro, questo nostro presente così tragico e così bisognoso di salvezza.

Pubblicato

Mercoledì 20 Aprile 2016

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 22 Ottobre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019