Politica

I sindacati ticinesi uniti contro la riforma LPP21

“Tutti uscirebbero perdenti da questa riforma e i lavoratori pagherebbero di più per ricevere meno”: anche i sindacati ticinesi Unia, OCST, VPOD, SEV, syndicom e SSM – dopo Unione sindacale svizzera e sinistra nei giorni scorsi – hanno ufficialmente lanciato, ieri 4 luglio, la campagna contro la riforma della previdenza professionale in votazione il 22 settembre. La riforma del 2° pilastro vuole diminuire il tasso di conversione delle rendite e aumentare, al contempo, i contributi di risparmio. Ciò si traduce in un prelievo maggiore sui salari dei lavoratori, che causerebbe una ulteriore e pesante diminuzione del loro potere d’acquisto ai danni di chi lavora a tempo parziale o riceve un salario basso e, quindi, ai danni anche di tutto il tessuto economico locale.

Pubblicato il

05.07.2024 16:43
Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Federica Bassi

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch

Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 88
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

 

© Copyright 2023