< Ritorna

Stampa

 

I salariati ringraziano

di

Claudio Carrer
Un «grande uomo di Stato», «un animale politico», «un provocatore», «un visionario», «un simpatico arrogante». È con simili definizioni che la stampa ha reso omaggio a Pascal Couchepin all'indomani dell'annuncio delle sue dimissioni dal Consiglio federale. Così, gli ha dato atto di aver saputo contrastare le derive antidemocratiche di Christoph Blocher e di essere un tipo intelligente e brillante.
L'analisi del personaggio è più o meno condivisibile, ma a noi interessa di più interrogarci su cosa concretamente abbia fatto per tutelare gli interessi dei salariati. La risposta è chiara: nulla! Anzi, ha sempre lavorato per distruggere lo stato sociale.
L'offensiva in atto contro le indennità ai disoccupati affonda le radici in un progetto voluto e realizzato proprio da Couchepin nel 2003, attraverso una revisione legislativa che ha ridotto le prestazioni, ai giovani in particolare.
Ma il politico vallesano si è distinto soprattutto come ministro della sanità. È lui che ha frenato in modo artificiale l'aumento dei premi di cassa malati, andando sempre a colpire gli interessi degli assicurati e dei malati, chiamati ripetutamente alla cassa (con l'aumento delle franchigie e delle partecipazioni ai costi) o indotti a scommettere sulla loro salute per risparmiare qualche franco. Ed è lui che dovrà concludere la sua carriera annunciando per il 2010 aumenti del 15 per cento e ammettere così il fallimento della sua politica. Una politica che ha messo in discussione il principio della solidarietà tra sani e malati, uomini e donne, vecchi e giovani. Era sua del resto l'idea di introdurre premi differenziati per gli ultracinquantenni.
Anche l'attacco alle rendite pensionistiche si è svolto sotto la guida di Couchepin: il tasso minimo d'interesse sugli averi è passato dal 4 per cento del 2004 al 2 per cento di oggi. Per affrontare i problemi finanziari dell'assicurazione invalidità ha messo in piedi una revisione legislativa che ha ridotto del 30 per cento le nuove rendite. Non gli è riuscito invece di innalzare a 65 anni l'età pensionabile delle donne nel quadro dell'11esima revisione dell'Avs, ma ha preparato il terreno per portarla per tutti addirittura a 67 o 68 anni.
Pascal Couchepin ha difeso bene gli interessi che era chiamato a difendere e ha lasciato il segno. Un ministro tanto coerente farebbe comodo alla sinistra.

Pubblicato

Venerdì 19 Giugno 2009

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 18 Novembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019