Una battaglia che si deve e che si può vincere

Pubblicato il

22.02.24

L'ultima edizione

29 Gennaio 2024

Ultime rubriche

di

Pubblicato il 

21.02.24

di

Pubblicato il 

19.02.24
Lavoro

di

Nel tessuto ticinese, la Rsi costituisce un ramo economico ed occupazionale di qualità finanziato per quattro quinti con soldi provenienti dal resto del Paese. Finanziamenti di cui in ultima istanza, beneficiano le imprese locali grazie all’indotto generato e le finanze cantonali cone le imposte incassate. Tagliare quel ramo, equivale a indebolire l'intera società ticinese. È il succo della conferenza stampa odierna indetta dal Sindacato Svizzero dei media (Ssm) sezione Ticino, sull’ordinanza posta in consultazione dal Consiglio federale di ridurre il canone televisivo da 335 franchi a 300 l’anno.

Pubblicato il

15.01.24
Politica

di

Per la sua recente campagna al Consiglio degli Stati, Marco Chiesa ha ricevuto 106.500 franchi da un’enigmatica fondazione: la Fondazione per una politica liberal-conservatrice. Nessun altro eletto ha ricevuto così tanto denaro da un unico donatore. Il dato è stato reso noto oggi, 12 gennaio 2024, sul sito del Controllo federale delle finanze, l’autorità incaricata di supervisionare i nuovi dispositivi di legge sul finanziamento delle campagne elettorali.

Pubblicato il

12.01.24

Ancora increduli, rattristati e indignati per la decisione del Consiglio di Stato ticinese di negare al nostro fratello e compagno Arlind Lokaj il diritto di continuare a vivere nel paese dove è nato, dove ha la sua mamma, la sua ragazza e i suoi amici più fraterni e dove tra pochi mesi potrebbe incominciare un apprendistato, gli “Amici di Arlind” lanciano un accorato appello a tutta la popolazione ticinese affinché si mobiliti in favore di questo bravo ragazzo di soli 17 anni che non ha mai fatto del male a nessuno ma che il nostro Governo vorrebbe espellere dalla Svizzera e rispedire in Kosovo, nel suo paese di origine dove però non ha più alcun punto di riferimento.

 

Perché non dare ad Arlind la possibilità di vivere una vita normale in Ticino invece di cacciarlo in un tunnel di cui non si vede l'uscita? Solo perché secondo la legge la domanda per il ricongiungimento familiare è stata presentata tardivamente? Chiediamo umilmente ai cittadini ticinesi di rispondere a queste domande e di provare anche solo per qualche minuto a calarsi nei panni di un Arlind o in quelli del genitore di un Arlind. Tutti coloro che proveranno un sentimento d'indignazione per la decisione del Consiglio di Stato, sono invitati/e a partecipare ad una


Manifestazione di protesta

ARLIND È UNO DI NOI E CON NOI DEVE RESTARE!

martedì 15 aprile alle 17.30

a Bellinzona -Piazzale della Posta-


 

Pubblicato il 

10.04.14
La vignetta

Abbonarsi alla versione
cartacea di area costa
solo 60 franchi!