L'editoriale
Una votazione cruciale

di

Vogliamo lavorare meno per vivere meglio e non lavorare di più per ricevere meno. È il messaggio chiaro e inequivocabile risuonato in ogni angolo del paese in occasione della mobilitazione femminista e delle donne di questo martedì 14 giugno, data simbolo della lunga battaglia per la parità e anniversario degli storici scioperi del 1991 e del 2019 e che quest’anno coincide con l’avvio ufficiale della campagna contro la riforma AVS 21 decisa dal Parlamento e in votazione il 25 settembre prossimo. Una riforma ingiusta, antisociale e sessista e una votazione cruciale per le sorti dell’intero sistema pensionistico elvetico. È infatti evidente che un eventuale sì al previsto innalzamento dell’età pensionabile delle donne a 65 anni, spianerebbe la strada a ulteriori prolungamenti della durata della vita lavorativa: fino a 67, 68 o addirittura 70 anni. E per tutti, uomini e donne. La destra ha già progetti in cantiere che vanno proprio in questa direzione.

Leggi l'articolo

Pubblicato il

15.06.22

L'ultima edizione

15 Giugno 2022

Ultime rubriche

Lavoro & Giustizia
Pubblicato un bilancio dei controlli sul salario minimo, ma sui ccl siglati dal pseudo sindacato, tutto tace. Qualche indizio però trapela

di

I ccl firmati dal sedicente sindacato Tisin con sette imprese giusto in tempo per evitare l'obbligo del salario minimo, sono validi o no? Le autorità cantonali hanno stilato un primo bilancio dei controlli sul rispetto del salario minimo, ma sul caso Tisin, le bocche rimangono cucite. Eppure qualche indizio lascia suppore che la risposta al quesito sia arrivata.

Leggi l'articolo

Pubblicato il 

23.06.22
Colletti sporchi
Membro per oltre dieci anni della Direzione generale della banca di Lugano, l’uomo è colpevole di riciclaggio. È il primo dirigente bancario elvetico condannato penalmente per lo scandalo di corruzione partito dal Brasile.

di

Con le sue «gravi mancanze, irregolarità e imprudenze» ha permesso il riciclaggio di 17,5 milioni di dollari d’origine criminale. Per questo Ferdinando Coda Nunziante, ex membro della Direzione generale della banca luganese Pkb, è stato condannato di recente dal Ministero pubblico della Confederazione (Mpc). L’ormai ex dirigente bancario è stato ritenuto colpevole di riciclaggio: per questo gli è stata inflitta una pena pecuniaria di 270.000 franchi sospesa per un periodo di prova di due anni. L’informazione è contenuta in un decreto d’accusa datato 23 maggio 2022 ed cresciuto in giudicato. Decreto che area ha potuto consultare e dal quale emergono le responsabilità dell’uomo nella vicenda che ha fatto arrivare in Ticino il denaro sporco della corruzione brasiliana.

Leggi l'articolo

Pubblicato il 

22.06.22

di

Un migrante con la valigia in procinto di salire su un treno, uno stagionale in una buia baracca, muratori alle prese con la costruzione della nuova stazione centrale di Zurigo, militanti di sinistra in corteo nelle strade di Berna. L’immaginario legato alla storia della migrazione novecentesca in Svizzera è fortemente dominato da figure maschili, eppure la ricerca storica degli ultimi anni ci dice che le donne emigrate in Svizzera, durante tutto il Novecento, sono state una parte importante e tutt’altro che passiva del movimento migratorio proveniente soprattutto dal sud dell’Europa. A livello numerico le donne sono state una componente non così minoritaria. Anzi, nel decennio compreso tra il 1945 e il 1955 esse sono state addirittura in maggioranza rispetto agli uomini. Queste donne non erano soltanto mogli al seguito dei propri mariti, ma spesso persone intraprendenti che espatriavano da sole in cerca di lavoro.

Pubblicato il

22.06.22
povertà

di

Caccia ai miserabili! Vietato chiedere l’elemosina: un reato punibile pure con la detenzione. La storia della lotta alla mendicità in Svizzera è stantîa: seppur vecchia di secolicontinua imperterrita a perpetuarsi con Cantoni e Comuni – chi più, chi meno – che sfoggiano ordinanze per reprimere il fenomeno. Ora bisogna però fare i conti con una sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, che condanna le sanzioni sproporzionate che ledono la dignità umana di persone vulnerabili. E il Canton Vaud si trova ora a rivedere la sua legge sull’accattonaggio, perché... “fuorilegge”.

Pubblicato il

17.06.22
Parità

di

Anche quest’anno il 14 giugno migliaia di donne e uomini solidali si sono mobilitate/i in tutta la Svizzera per chiedere che finalmente si arrivi a una vera parità, sia a livello salariale che di lavoro non retribuito, e per opporsi con determinazione alla riforma Avs 21. Le donne si stanno già preparando a un nuovo grande sciopero nel 2023.

 

Pubblicato il

17.06.22
Lavoro & Dignità

di

di Francesco Bonsaver
Ci sono luoghi dove l’eccellenza brilla” recita uno spot della Riri, leader mondiale nella produzione delle cerniere per le case di moda del lusso. Nessun dubbio sulla qualità dei prodotti, molti invece che brillino d’eccellenza i luoghi e le condizioni di chi li produce. Duecento e passa operaie della fabbrica Riri a Mendrisio che incrociano le braccia, non è cronaca di tutti i giorni nell’industria ticinese. Quanto successo quel mattino d’aprile, è un segno tangibile del livello di esasperazione raggiunta dalle maestranze. Ripercorriamo il percorso di costruzione operaia e sindacale sfociato nello sciopero col sostegno di Unia, per capirne i motivi, i risultati ottenuti e quelli auspicati.

Pubblicato il

15.06.22
Economia

di

La società statunitense BlackRock è il singolo azionista più importante della Svizzera. Nonostante ciò il suo impatto sulla nostra economia è poco dibattuto. Grazie ai dati elaborati da un collettivo di giornalisti e al parere di due esperti cerchiamo di fare un po’ di luce su questo mastodonte della “finanza dell’ombra”.

Pubblicato il

07.06.22
Lavoro & Dignità

di

«Un contratto moderno, più leggero e flessibile» invoca Gianluca Lardi, presidente della Società svizzera impresari costruttori (Ssic), annunciando le rivendicazioni padronali in vista del rinnovo della Convenzione nazionale mantello dell’edilizia, in scadenza a fine anno. La parola “moderno” assume un significato diverso a seconda di quale bocca la pronuncia. Si potrebbe concepire moderna la riduzione dell’orario settimanale a profitto di una migliore qualità di vita familiare e sociale dei lavoratori. Per Lardi e associati il concetto di moderno è tutt’altra cosa: lavorare dieci ore al giorno sul cantiere.

Pubblicato il

02.06.22
Parità

di

In Svizzera si può decidere di abortire entro le prime 12 settimane di gravidanza, questo è quanto prevede la Legge dal 2002, dopo che il popolo ha ampiamente accolto il cosiddetto “regime dei terminiil 2 giugno di 20 anni fa. Il 2 giugno di quest'anno, la presidente dell’Organizzazione Salute Sessuale Svizzera, Léonore Porchet (Verdi/Vd), ha presentato un’iniziativa parlamentare per chiedere che finalmente l’aborto venga tolto dal Codice Penale e considerato come una questione di salute. Questo permetterà di liberare da stigmatizzazioni e disparità le donne che scelgono di interrompere una gravidanza. Abbiamo fatto il punto della situazione con Barbara Berger, direttrice di Salute Sessuale Svizzera.

Pubblicato il

02.06.22
Lavoro & Giustizia

di

È l’incredibile storia delle lavoratrici dell’hotel Ibis di Parigi raccontata da Sylvie Kimissa Esper. La donna ha raccontato tutte le tappe della sua battaglia e di quella delle sue colleghe durante i lavori della Conferenza delle donne Unia. L’energia, la rabbia, la grande capacità oratoria della cameriera ai piani hanno rapito tutte le 160 militanti e sindacaliste presenti a Bellinzona il 20 e 21 maggio. Durante i lavori della Conferenza, non sono mancati altri momenti forti, in particolare con le testimonianze dal Ticino.

 

Pubblicato il

02.06.22

Ancora increduli, rattristati e indignati per la decisione del Consiglio di Stato ticinese di negare al nostro fratello e compagno Arlind Lokaj il diritto di continuare a vivere nel paese dove è nato, dove ha la sua mamma, la sua ragazza e i suoi amici più fraterni e dove tra pochi mesi potrebbe incominciare un apprendistato, gli “Amici di Arlind” lanciano un accorato appello a tutta la popolazione ticinese affinché si mobiliti in favore di questo bravo ragazzo di soli 17 anni che non ha mai fatto del male a nessuno ma che il nostro Governo vorrebbe espellere dalla Svizzera e rispedire in Kosovo, nel suo paese di origine dove però non ha più alcun punto di riferimento.

 

Perché non dare ad Arlind la possibilità di vivere una vita normale in Ticino invece di cacciarlo in un tunnel di cui non si vede l'uscita? Solo perché secondo la legge la domanda per il ricongiungimento familiare è stata presentata tardivamente? Chiediamo umilmente ai cittadini ticinesi di rispondere a queste domande e di provare anche solo per qualche minuto a calarsi nei panni di un Arlind o in quelli del genitore di un Arlind. Tutti coloro che proveranno un sentimento d'indignazione per la decisione del Consiglio di Stato, sono invitati/e a partecipare ad una


Manifestazione di protesta

ARLIND È UNO DI NOI E CON NOI DEVE RESTARE!

martedì 15 aprile alle 17.30

a Bellinzona -Piazzale della Posta-


 

Pubblicato il 

10.04.14
La vignetta

Abbonarsi alla versione
cartacea di area costa
solo 60 franchi!