L'editoriale
Il giornalismo è servizio pubblico

di

Con la prima edizione di questo 2022 appena iniziato, area entra nel suo 25esimo anno di pubblicazione: quasi un miracolo editoriale nel panorama della stampa sindacale e di sinistra in lingua italiana in Svizzera. Compatibilmente con i mezzi limitati a disposizione, abbiamo sempre cercato e cercheremo sempre di realizzare un prodotto giornalistico rigoroso e di qualità, che racconti il mondo del lavoro e la società in tutte le loro sfaccettature e in modo che altri non fanno, dando innanzitutto voce alle persone che non ne hanno o a cui di solito viene tolta. Se questo è stato possibile sin qui lo dobbiamo certamente alla fedeltà di voi lettrici e lettori e al nostro editore, il sindacato Unia che da sempre crede e investe importanti risorse in un’informazione libera e indipendente. Ma anche ai cosiddetti “aiuti indiretti ai media” (sotto forma di riduzione delle tariffe postali di spedizione) di cui beneficiamo e di cui continueremo ad avere bisogno nei prossimi anni, a maggior ragione in un contesto, caratterizzato da un continuo aumento dei costi di produzione e di distribuzione e dalla contrazione delle entrate pubblicitarie, in cui è sempre più complicato far quadrare i conti.

Leggi l'articolo

Pubblicato il

20.01.22

L'ultima edizione

20 Gennaio 2022

Ultime rubriche

Lavoro & Giustizia
Parlano i driver Divoora nei video di una campagna informativa a sostegno di una petizioni per condizioni di lavoro migliori

di

«Il 27 ottobre noi driver di Divoora siamo stati costretti a firmare nel giro di poche ore un contratto che prevedeva la retribuzione di 35 centesimi al minuto solo per il tempo di una consegna». È una delle frasi estrapolate dei due primi video già disponibili online della serie concepita per la campagna informativa sulle condizioni di lavoro dei driver Divoora promossa dai sindacati Unia e Ocst, dove a parlare sono i diretti interessati. Una campagna informativa accompagnata dal lancio di una petizione che fa seguito alla mobilitazione dello scorso 23 dicembre, quando una rappresentanza di driver dell’azienda specializzata nella consegna di cibo a domicilio aveva incrociato le braccia per protestare contro un contratto che prevede un salario al minuto, che non garantisce un minimo di ore lavorative e non riconosce i periodi di attesa come tempo di lavoro. Nella petizione, oltre ad essere pagati per il tempo a disposizione dell'azienda, i lavoratori chiedono la pianificazione dell’orario di lavoro con garanzie minime, un sistema di rimborso spese corretto per l’utilizzo del veicolo privato e una copertura assicurativa del guadagno in caso di malattia. Clicca qui per sostenerla.

Leggi l'articolo

Pubblicato il 

25.01.22
Esteri
Le rivolte in Kazakistan contro il regime dispotico e corrotto sollevano interrogativi sui rapporti istituzionali con la città di Lugano e il Ticino

di

Ingraziarsi un dittatore pur di fare affari. Deve esser la logica che ha spinto il governo cantonale e il municipio luganese ad avventurarsi in operazioni di politica estera, tessendo relazioni sempre intense col clan al potere in Kazakistan. Relazioni che iniziarono con l'arrivo nel Cantone e il rilascio del permesso alla figlia dell’ex presidente Nazarbaev grazie a una società di facciata.

Leggi l'articolo

Pubblicato il 

24.01.22
Lavoro&Giustizia

di

La politica scende in campo a sostegno dei quattro corrieri Dpd licenziati per aver chiesto migliori condizioni di lavoro. Rappresentanti del Partito operaio popolare, Partito comunista, ForumAlternativo, Partito Socialista e della Gioventù socialista hanno organizzato oggi pomeriggio un presidio davanti al deposito Dpd di Giubiasco, dove lavoravano i quattro corrieri licenziati l’ultimo giorno del 2021.

Pubblicato il

20.01.22
La sentenza

di

Il Tribunale del Lavoro di Bologna ha dato ragione alle lavoratrici di Lis Group, che opera nei magazzini del leader del commercio online Ynap Yoox, ritenendo che il lavoro con doppio turno discrimina le mamme operaie. La sentenza rappresenta una grande vittoria per queste donne dopo una lunga battaglia portata avanti con il sindacto di base Si Cobas.

Pubblicato il

20.01.22
Italia

di

Di cosa parla la politica italiana? Di Silvio Berlusconi presidente della Repubblica. No, non siamo a “Scherzi a parte”, il noto show di Canale 5, anche se il contesto del risorgimento del caimano rafforzerebbe l’ipotesi dello scherzo.

Pubblicato il

20.01.22
Il libro

di

Un libro sul 2020, l’anno dello scoppio della pandemia, ma non un libro sulla pandemia. Questo è l’ultimo sforzo editoriale, il settimo della carriera, del fotografo e fotoreporter, ginevrino trapiantato a Lugano, Didier Ruef. 2020 è una sorta di diario dell’anno in immagini, un’opera di 366 scatti rigorosamente in bianco e nero, realizzata con un unico apparecchio e che si è sviluppata di giorno in giorno, dal 1° gennaio al 31 dicembre. Ce la racconta lo stesso Didier Ruef.

Pubblicato il

20.01.22
Lavoro & dignità

di

Sui tetti per difendere il lavoro a condizioni dignitose. E il diritto costituzionale della libertà di affiliazione sindacale. È il gesto simbolico forte  a cui sono ricorsi operai e sindacalisti questa mattina, arrampicandosi sul tetto del deposito Dpd in Ticino a Giubiasc, posando lo striscione “Reintegro subito!”. Una protesta contro i licenziamenti selettivi di quattro corrieri, colpevoli di essere membri attivi del sindacato Unia e per aver "osato" chiedere condizioni di lavoro dignitose.

Pubblicato il

13.01.22
Diritti violati

di

DPD deve smetterla di violare i diritti sindacali del personale e di punire chi li esercita. È la richiesta contenuta in una petizione promossa dal sindacato Unia all'indomani di un ennesimo atto ostile da parte dell'azienda specializzata nella spedizione di pacchi, che con un meschino stratagemma si è sbarazzata di quattro lavoratori impegnati nel sindacato. Lavoratori che vanno immediatamente reintegrati, recita il titolo della petizione lanciata oggi e che può essere firmata online (cliccare qui).

Pubblicato il

11.01.22
Lavoro & Giustizia

di

Oggi non ordinate cibo da Divoora. Per un duplice motivo. Il vostro cibo, semmai dovesse arrivare, lo farà con estremo ritardo. Un ritardo dovuto al secondo motivo, decisamente più nobile: non ordinando a Divoora esprimerete la vostra solidarietà ai loro dipendenti, oggi in agitazione sindacale. Le motivazioni dell’agitazione le hanno espresse a viva voce le corriere e i corrieri di Divoora in una conferenza stampa in Piazza Riforma di Lugano. «Siamo persone con famiglie, onesti e svolgiamo il nostro lavoro con dignità. Siamo arrivati a Natale, affranti e frustrati, con salari miseri. Pretendiamo dall’azienda che ci paghi tutte le ore per cui siamo a disposizione e un contratto dignitoso e legale» ha riassunto un corriere in Piazza Riforma a Lugano.

Pubblicato il

23.12.21
I sans papier in Svizzera

di

Il 25 aprile 2001, con l'occupazione di una chiesa a Losanna, i sans papiers sono entrati per la prima volta nell’agenda politica elvetica. La solidarietà in questi 20 anni nei loro confronti non è mancata. Ma la loro condizione di fondo non è cambiata: sono molto richiesti come forza lavoro ma non hanno il pieno diritto di esistere all’interno della società svizzera. Ma in alcune città svizzere nascono progetti interessanti.

Pubblicato il

21.12.21

Ancora increduli, rattristati e indignati per la decisione del Consiglio di Stato ticinese di negare al nostro fratello e compagno Arlind Lokaj il diritto di continuare a vivere nel paese dove è nato, dove ha la sua mamma, la sua ragazza e i suoi amici più fraterni e dove tra pochi mesi potrebbe incominciare un apprendistato, gli “Amici di Arlind” lanciano un accorato appello a tutta la popolazione ticinese affinché si mobiliti in favore di questo bravo ragazzo di soli 17 anni che non ha mai fatto del male a nessuno ma che il nostro Governo vorrebbe espellere dalla Svizzera e rispedire in Kosovo, nel suo paese di origine dove però non ha più alcun punto di riferimento.

 

Perché non dare ad Arlind la possibilità di vivere una vita normale in Ticino invece di cacciarlo in un tunnel di cui non si vede l'uscita? Solo perché secondo la legge la domanda per il ricongiungimento familiare è stata presentata tardivamente? Chiediamo umilmente ai cittadini ticinesi di rispondere a queste domande e di provare anche solo per qualche minuto a calarsi nei panni di un Arlind o in quelli del genitore di un Arlind. Tutti coloro che proveranno un sentimento d'indignazione per la decisione del Consiglio di Stato, sono invitati/e a partecipare ad una


Manifestazione di protesta

ARLIND È UNO DI NOI E CON NOI DEVE RESTARE!

martedì 15 aprile alle 17.30

a Bellinzona -Piazzale della Posta-


 

Pubblicato il 

10.04.14
La vignetta

Abbonarsi alla versione
cartacea di area costa
solo 60 franchi!