< Ritorna

Stampa

 

Guerra e profitto

di

Paolo Riva
La teoria finanziaria, in questo caso egregiamente supportata dalla pratica quotidiana sui mercati, vuole la borsa sempre in anticipo rispetto ai grandi eventi mondiali. Teorema valido, almeno fino a che gli eventi in questione sono prevedibili con largo anticipo. Ora, dopo gli attentati dell’11 settembre e quel che ne è seguito, la borsa sta vivendo un periodo di navigazione a vista, dove è difficile prevedere quali saranno i settori emergenti in modo indipendente dalla stretta cronaca quotidiana. La parte del leone la stanno facendo i titoli legati alla difesa e alla produzione di armamenti,. Momento di «gloria» criticabile con centomila obiezioni etiche, ma non sempre la borsa va a braccetto con quello che sarebbe giusto e opportuno. Fatto sta che per il momento è questo il settore che sembra fornire buone prospettive, ed è proprio lì che gli investitori vanno a mettere i loro soldi, sperando di ricavarci di più, rispetto magari a un bell’investimento ecologico o a sostegno dello sviluppo. Potrà anche non piacere, ma il meccanismo è assolutamente innato, e non artificioso: per sua natura l’uomo va la dove potrà avere maggiori vantaggi. Il discorso sarebbe decisamente diverso, se si scoprisse che l’azione di guerra viene alimentata artificialmente, oltre il necessario, solo per incrementare la cifra d’affari di chi vende i missili. Lo scenario potrebbe anche sembrare fantapolitico e degno di un romanzo di fiction, ma sapendo come funziona il sistema delle lobbies a Washington, in realtà ci troviamo di fronte a un’ipotesi più che plausibile. Stesso discorso per il settore dei rilevatori di aggressivi chimici e biologici. Un settore assolutamente dimenticato, fino alla settimana scorsa, ammesso che qualcuno fosse a conoscenza della sua esistenza. Ora, di colpo, ecco che le aziende quotate in borsa e che si occupano di sviluppare prodotti che permettono il rilevamento di armi batteriologiche, vanno avanti a colpi del 10 per cento al giorno. Un movimento assolutamente innaturale, se considerato nel lungo periodo. Quando simili movimenti venivano dalla new economy, ecco che i santoni della finanza parlavano di bolla speculativa e gufavano alla grande. Ora si parla di effetto traino sull’intera economia, e si considerano gli effetti positivi della guerra sull’attuale momento congiunturale negativo negli Stati Uniti. È questo, il fatto che deve far riflettere. Quando la guerra diventa uno strumento di promovimento economico il problema è serio e merita ampia riflessione. Al di là dei vantaggi immediati che possono esserci nascosti dentro.

Pubblicato

Venerdì 19 Ottobre 2001

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 2 Dicembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019