< Ritorna

Stampa

 

Fc Rösti - Us Frites, arbitro: Blick. Aiuto!

di

Libano Zanolari
Che accade alla "Nati", la nazionale di calcio rossocrociata  chiamata a realizzare molti sogni di gloria agli incombenti "Europei": e all'allenatore Kuhn, eletto addirittura "Svizzero dell'anno" dalla solita combriccola "pappa e ciccia"?
La confusione regna sovrana – come dicevano i cronisti di maggior spessore culturale 50 anni fa, e da quando il giornale "der Nation" (della nazione di lingua tedesca…) "Blick" ci ha messo mano il bucato riesce un po' più sporco.
Si tratta (come sempre) di mettere d'accordo le due anime: quella della patata amidosa, e quella della patata farinosa: per fortuna risotti e capuns sono in minoranza. All'uopo (uopo non uovo) è stato "fatto fuori" il capitano Vogel che a dispetto del nome è romando, come Müller: fa testo il luogo dove si è cresciuti. Vogel festeggiava il compleanno quando ha ricevuto una telefonata da Kuhn: era convinto che gli facesse gli auguri invece gli ha detto che lo escludeva dalla nazionale: "prendo il primo aereo che parte da Siviglia e vengo a spaccarti la faccia" – gli ha risposto il capitano. Vogel era diventato il capro espiatorio  della lotta fra "gang" interne: quelle dei romandi e quella dei tedeschi capitanata da Frei: neutro Magnin. Quando le cose non vanno bene (anche nelle redazioni…) si cerca un colpevole: e con ciò i vari "allenatori" scaricano le loro incapacità. Mestatore sommo della faida il "Blick": crea il caso e aumenta le vendite… Eliminato Vogel che "seminava zizzania", i rossocrociati vanno in Florida e battono per 2 a 0 un gruppo di giardinieri e animatori di un club turistico di Montague Bay. Il "Blick" esulta: "Finalmente: la liberazione tanto attesa! La squadra si è ritrovata… si è divertita dentro e fuori il campo". Insomma: avevamo ragione noi…
Ma dopo la Giamaica ecco la Colombia, una squadra seria: i rossocrociati si muovono come le galline della zia Candida quella sera in cui la martora riuscì a trovare un pertugio sotto la rete del pollaio.
Il neocapitano Frei si fa ammonire per proteste come un bullo di 4. Divisione. Kuhn non ci capisce nulla: la fascia di capitano cambia proprietario 3 volte. La Svizzera perde per 3 a 1. «Non basta il ritrovato spirito di squadra per vincere: la Svizzera ha giocato in modo  mediocre e "leggero" (laessig)». Ma se aveva ritrovato lo spirito di squadra come faceva a essere "laessig", superficiale, poco concentrata, leggerina?
Ma ecco il perché della sconfitta: non è stato ingaggiato il "Team-manager" proposto dal "Blick". Su area non si dovrebbe mai fare discorsi tecnici, ma in questo caso ci stà: il crapino del signor Vogel, anche se le gambe non sempre rispondono, vale da solo la somma dei 4 o 5 craponi che lo hanno cacciato: con Vogel la squadra ha un ordine e un metodo.

Pubblicato

Venerdì 6 Aprile 2007

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 2 Dicembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019