< Ritorna

Stampa

 

Fc Lugano, c’era una volta il vivaio

di

Antonio Bolzani
Rischia di più la panchina di Marcello Lippi o di Zinetoula Bilyaletdinov? La risposta è tutt’altro che scontata, sta di fatto che sia dall’Hc Lugano sia dalla Juventus era lecito aspettarsi di più, molto di più. Le vicende di questi due club, da sempre all’avanguardia nella programmazione e nell’impostazione societaria, ci ricordano come anche i ricchi, a volte, piangono; è il bello dello sport, uno sport che, pur regolato e condizionato dai soldi, riesce ancora a regalarci degli scampoli di sana imprevedibilità. Come il Chievo capolista o come lo scoppiettante Malesani, ebbro di gioia alla fine del derby di Verona; basta poco per divertire e per divertirsi, eppure, nel variegato e rutilante mondo sportivo, tanti – troppi – si prendono maledettamente sul serio. Sarebbe invece da prendere in considerazione seriamente il fatto che domenica scorsa, negli ultimi venti minuti di Lugano-Basilea, i bianconeri hanno giocato con una formazione completamente «straniera», ossia con nessuno degli undici presenti in campo cresciuti calcisticamente in Ticino. Usciti Rota e Morf, Morinini ha presentato una squadra che di nostrano aveva solo il cognome del suo centravanti, peraltro argentino: Rossi. La constatazione, come ha ammesso lo stesso allenatore del Lugano, non è da trascurare; si tratta ora di approfondire un problema che ha le sue radici nei settori giovanili dei nostri club. Lavorano male oppure i migliori talenti, pur tecnicamente validi, non sono in grado di compiere il grande e difficile passo verso la serie A? O ancora: i ragazzi capaci di reggere il livello del football d’élite ci sono e ci sarebbero anche nel nostro cantone, ma forse si preferisce puntare su risorse «esterne» perché è più di moda o perché si può beneficiare di tornaconti e di introiti finanziari? Gli interrogativi mi sembrano più che legittimi, anche perché, dando un’occhiata alle classifiche e agli investimenti del settore giovanile del FC Lugano, si ha l’impressione che il lavoro svolto offra dei risultati – sul piano sportivo e su quello dell’immagine – senza dubbio più che lusinghieri. È vero che se si vuole restare aggrappati al plotone delle compagini più forti e più attrezzate, non si può rischiare di gettare allo sbaraglio dei ragazzi calcisticamente ancora immaturi, ma è pur altrettanto realistico che un giovane può dimostrare il suo valore e acquisire esperienza ai massimi livelli, soltanto se gli viene data fiducia e se è impiegato in campo con una certa regolarità. Ricordiamoci il cammino fatto dai vari Colombo, Esposito, Penzavalli, Carrasco, Pelosi e Manfreda, o prima ancora da Marzio Beltrami o da Massimo Alliata; dei talenti buttati nella «mischia», che con gli anni si sono affermati. Con pieno merito e, specialmente, con la soddisfazione di tutti.

Pubblicato

Venerdì 30 Novembre 2001

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 18 Novembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019