< Ritorna

Stampa

 

«Drag con me?»

di

Cristina Foglia
C’è un linguaggio, alcuni dicono un sottolinguaggio, che è nato e prospera grazie al telefono cellulare. È quello degli Sms che ha semplificato e ridotto la grammatica con lo scopo di far risparmiare lettere e quindi soldi agli utenti. «Sei» intesa come seconda persona del verbo essere si scrive «6»: «per» si scrive «x», «baci» si scrive xx, la ch diventa k. Quindi: «tanti baci per te che sei il mio amore» diventa «xxx x te ke 6 il mio amore». Un altro risparmio lo si ha se si sostituisce la parola – mettiamo «amore» – con un disegnino: cuore, micio o maialino, se si vuole aggiungere una nota maliziosetta. Non romantico come una lettera scritta a mano su carta profumata di violetta , ma rapido ed efficace. E non è tutto qui. I nuovi cellulari sono dotati di un programma ancora più rapido che va sotto il nome di «scrittura intuitiva» e che permette di pigiare due volte lo stesso tasto e ottenere comunque un cambio di lettera. Si evita così la noiosa ricerca della lettera giusta dal gruppo di tre o quattro lettere che ci sono su ogni tasto. La parola «bacca» , per esempio, la si ottiene schiacciando cinque volte il tasto corrispondente al numero 2 (abc). Il programma cerca a tentoni e «indovina» le parola in base a un presunto senso compiuto. C’è un dizionario per ogni lingua e parole del linguaggio corrente. Anche parolacce. Non sto qui a elencare, potete divertirvi a provare. Basti sapere che certe parole del gergo volgare corrente ci sono, altre no. Certi organi sono contemplati, altri no. Lo stesso vale per certi verbi e avverbi assolutamente normali che però per qualche ragione il programma di scrittura intuitiva non considera. Ma i furboni che hanno inventato il programma (che secondo me si sono fatti un sacco di risate) hanno previsto anche un tasto (*+) che fornisce altre combinazioni possibili. È affascinante come ogni parola va formandosi man mano che si aggiungono le lettere: una continua metamorfosi. Ma il risultato finale non è sempre quel che si desidera. Così un’ esclamazione come «sono fuso» evoca al primo colpo il rigor mortis e al secondo l’europeismo convinto. Solo alla quarta opzione arriva «fuso», passando nell’ordine per «duro», «euro» , «durò». Quando poi il sistema di scrittura è in difficoltà ti invia il suo sconcerto sotto forma di punto interrogativo e segnale sonoro, dandoti la possibilità di commutare sul dizionario normale. Per farla breve, non tutto si può dire. Una certa parlata «hard boiled» alla Sanantonio o alla Bukowski risulta impossibile. Esempio di corteggiamento via Sms fra ganzo e bellona che non vuole saperne. LUI: «Ciao bella diga». LEI: «Togliti dai coglimof, faccia da riplc». (Fin qui, con un po’ di russo maccheronico e uno sforzo anagrammatico il tanghero potrebbe capire l’antifona, ma decide di non mollare la presa.) Lui: «Drag (= esci) con me bambola?» (Interpretazione interessante del dizionario intuitivo, non c’è che dire!). LEI, scocciata: «Mi hai sotto», (rotto non è contemplato e il cambio di senso è palese). LUI: «Lo sai ke 6 1 gran bella imacca». LEI: «Ma vadeanatlo»! LUI: «Ke cazzo dici?» LEI: «Non hai capito eh, faccia di nerec? Te lo scrivo meglio: Va a fare via il culm!»

Pubblicato

Venerdì 22 Marzo 2002

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 23 Settembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019