< Ritorna

Stampa

 
Socialità

«Diciamo no a una politica di impoverimento della società»

di

Veronica Galster

I conti sono in rosso, Governo e Parlamento hanno il compito di risanarli e così decidono di tagliare qua e là, ma a pagarne le conseguenze sono principalmente le famiglie con bassi salari, soprattutto se numerose, e chi beneficia dei servizi di assistenza e cure a domicilio. Lanciati tre referendum contro queste misure di risparmio che minano la coesione sociale.

 

Anche il sindacato appoggia i tre referendum contro lo smantellamento dello stato sociale, come spiega Enrico Borelli, segretario regionale di Unia Ticino e Moesa: «Riteniamo che queste proposte del Governo, approvate dal Parlamento, siano proposte inique e pericolose perché vanno ad ampliare ulteriormente le disuguaglianze all’interno di questa società». Inique perché colpiscono le persone più deboli e pericolose perché non fanno altro che rafforzare una situazione di crescenti disuguaglianze sociali, a scapito della coesione sociale.


Le tre misure contro le quali sono stati lanciati altrettanti referendum rientrano nelle manovre di risparmio del preventivo cantonale 2017 (vedi articolo principale), ma per Unia i soldi andrebbero recuperati là dove ci sono, «non sulle spalle delle fasce più deboli della popolazione, perché questa è una società che produce ricchezza – prosegue Borelli – ma non possiamo costruire una società a più velocità. Il grosso rischio è che con la concretizzazione di queste politiche si alimenti la differenziazione che esiste all'interno degli strati sociali, andando a costruire, appunto, una società che ha diverse velocità. Dobbiamo invece riuscire a dare delle risposte di tipo complessivo, che riescano a tenere in considerazione anche quelle che sono delle situazioni di vera e propria emergenza».


Unia contesta, infatti, l’idea che sta alla base di queste tre misure e che va di pari passo con quanto sta succedendo da vent’anni a questa parte, quando, attraverso le politiche liberiste, è stato messo in atto un vero e proprio attacco alle politiche sociali e alle conquiste in questo ambito ottenute in passato, operando un’erosione a livello di diritti. Per Borelli «ci vuole un cambio molto netto a livello politico, una sorta di cambio di paradigma, perché non possiamo reiterare e continuare a proporre queste politiche che negli ultimi vent’anni hanno prodotto dei veri disastri, precarizzando le condizioni di vita e di lavoro dell'insieme della popolazione».


Il sindacato contesta anche lo stravolgimento di quella che era l’idea che stava alla base di misure come gli assegni per i figli (Afi) e di prima infanzia (Api), concretizzati in un certo modo per rispondere ad un certo tipo di problemi e di emergenze e che così modificati non potranno più adempiere al loro scopo originario e spingeranno ancora più persone e famiglie verso l’indigenza.


Critica simile è fatta anche alla misura che prevede una partecipazione ai costi da parte dell’utente che beneficia dei servizi di assistenza e cure a domicilio: «La nostra società sta invecchiando ed è legittimo il desiderio da parte delle famiglie di tenere i loro cari a casa tra gli affetti, ma per poter fare questo bisogna oggi ricorrere a degli aiuti, a persone esterne che se ne possano occupare a domicilio, perché la struttura stessa delle famiglie è cambiata. Misure di risparmio come quelle previste dal Governo vanno ad attaccare ed intaccare questo principio, rischiando di sradicare delle persone che sono deboli e che hanno difficoltà economiche, dal proprio nucleo famigliare. In questo modo, inoltre, si rischia di spingere un maggior numero di anziani verso il collocamento in case per anziani, o di prolungare delle degenze in ospedale, soluzioni senz’altro più onerose per il Cantone rispetto al mantenimento e al rientro a domicilio».


In sostanza, Unia respinge le tre misure di smantellamento dello stato sociale previste nel preventivo cantonale 2017 perché «si tratta di politiche che portano ad una pauperizzazione della società».
 

 

È possibile scaricare online i formulari per i referendum, in alto a destra.

Formulari da scaricare per i referendum

Pubblicato

Giovedì 20 Ottobre 2016

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 20 Gennaio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019