< Ritorna

Stampa

 

Demagogicamente vostro

di

Mauro Marconi
Se provate, partendo da esempi concreti, a generalizzare dicendo che gli imprenditori infrangono le leggi, vi sentirete rispondere che state facendo demagogia. Vi si accuserà di avere un approccio ideologico, di essere irriconoscente e di azzannare la mano che vi dà da mangiare. Bene. Anzi, no. O meglio, mentre leggevo un documento su povertà e lavoro mi sono imbattuto nella seguente frase enigmatica: «Dal 1995 ad oggi il volume di lavoro in nero in Svizzera è aumentato di un terzo, attestandosi a circa il 9 per cento del prodotto nazionale lordo (37 miliardi di franchi). L’onere imposto da prelievi obbligatori gravosi (imposte e contributi sociali) è la causa principale dello sviluppo costante dell’economia sotterranea». Mi sono scervellato a lungo e senza successo per coglierne il senso profondo. Ho persino sviluppato tre schemi esplicativi alternativi: a. A causa dell’aumento della disoccupazione, sul mercato del lavoro c’è un imponente numero di disoccupati che preferiscono lavorare in nero anziché pagare le imposte ed i contributi sociali. Si ingegnano per traviare i datori di lavoro e convincerli ad assumerli in nero. b. I funzionari delle assicurazioni sociali e del fisco hanno fatto una coalizione ed imposto ai nostri governanti di aumentare imposte e contributi sociali. Il loro è puro interesse personale: in effetti sono in combutta con i lavoratori in nero che li riforniscono di ogni ben di Dio. c. La mano invisibile che regola l’economia, dopo tre secoli di onorato servizio è stata colpita da una grave artrosi. Le imposte ed i contributi sociali se ne sono accorti e ne hanno approfittato per prendere il potere. In un ultimo spasmo, il mignolo è riuscito a nascondere 37 miliardi di franchi. Nessuna delle tre ipotesi mi ha convinto. Poi, improvvisamente, l’illuminazione: avete presente quando fa sera ed accendete la lampadina? Proprio così, ero lì che stavo andando… mi sono detto: ma chi sarà mai l’autore di questa frase? Qui la soluzione era decisamente più semplice, bastava guardare la copertina del documento: "Schweizerischer Arbeitgeberverband" c’era scritto, che tradotto significa… Unione Padronale Svizzera. Pota ostia! Li hai capiti i padroni: se hai una malattia psichica e percepisci l’invalidità stai abusando del sistema. Se sei un datore di lavoro ed assumi un dipendente in nero è colpa delle imposte e dei contributi sociali. Ricordatevene la prossima volta che prendete una multa per parcheggio: potrete sempre dire che il parchimetro non l’avete mica messo lì voi! E già che siamo in tema di onestà, per una volta permettetemi di firmare il mio articolo con tutti i miei titoli di studio: il vostro Prof. Dott. Lic. Phil. Seeyousoon Gutzumdruck Mauro Marconi. P.s.: se volete placare la vostra sete di sapere, trovate il documento sul sito internet dell’ Unione Padronale – www.arbeitgeber.ch (io l’ho letto in francese e si intitola “Travail et Pauvreté”; tra l’altro, ho tradotto liberamente la frase citata).

Pubblicato

Venerdì 7 Ottobre 2005

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019