< Ritorna

Stampa

 

Dall'oracolo storie di stress*

di

Denise Chervet
Quali effetti hanno le condizioni di lavoro sulla salute? A questa domanda risponde uno studio pubblicato lo scorso gennaio 2002 1) e ordinato dalla Conferenza romanda e ticinese degli uffici cantonali della protezione dei lavoratori. Un organismo, quest’ultimo, che riunisce le ispezioni di lavoro dei cantoni sopracitati e che, con questa indagine, fornisce un’ulteriore conferma dell’importanza di questo problema per la politica sindacale e della salute pubblica. Questo opuscolo è uno strumento che non può assolutamente mancare negli uffici sindacali impegnati nel miglioramento delle condizioni di lavoro. Si occupa della salute in un contesto di lavoro d’équipe o notturno e delle nuove esigenze legate al lavoro: carico di lavoro, aumento delle decisioni da prendere, minor tempo a disposizione… Tra le altre cose, gli autori stimano che «una parte dei costi attualmente assunti dall’assicurazione malattia rappresenta una forma d’esternalizzazione dei costi per le ditte». (p.6) Due le conclusioni che scaturiscono da questa constatazione: • La campagna permanente sulla pretesa esplosione dei costi della salute è particolarmente ingannevole e scandalosa. Mira chiaramente a colpevolizzare gli assicurati che «consumerebbero troppo» ma tace su una delle cause importanti del ricorso alle cure: le condizioni di lavoro che sono diventate sempre più impegnative a causa delle ristrutturazioni imposte dai datori di lavoro. • Si tratta anche di un argomento supplementare per dare un taglio al sistema attuale e profondamente antisociale dei premi malattia che colpiscono soprattutto coloro che hanno redditi medi e bassi. S’impongono quote in proporzione al reddito, con una partecipazione dei datori di lavoro, sul modello dell’Avs. L’opuscolo tocca altri temi come il pericolo di sottovalutare l’ampiezza effettiva degli effetti delle condizioni di lavoro sulla salute derivati da una selezione che vuole che solo le persone più sane, i giovani resistano nei posti di lavoro più faticosi. Sottolinea inoltre l’importanza per la prevenzione del grado di autonomia di decisione all’interno di un processo di lavoro e di pieno utilizzo delle proprie qualifiche professionali. In altri termini, la lotta per la protezione della salute e quella per una democrazia effettiva, che non si fermano alle porte delle ditte, vanno di pari passo. *) In collaborazione con Jean-François Marquis. 1) Elisabeth Conne-Perréard, Marie-José Glardon, Jean Parrat, Massimo Usel, «Effets des conditions de travail défavorables sur la santé des travailleurs et leurs conséquences économiques», 2002 (in francese soltanto).

Pubblicato

Venerdì 22 Marzo 2002

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 23 Settembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019