< Ritorna

Stampa

 

Dall’America Latina segnali di maturità politica

di

Franco Cavalli

Trent’anni fa l’America Latina era molto presente nei nostri media. C’era la guerra fredda e se noi tifavamo per il governo sandinista ed i guerriglieri salvadoregni o guatemaltechi, gli avversari caldeggiavano l’annientamento militare di tutti quei movimenti che secondo loro sapevano di comunismo. La caduta del muro di Berlino con la, si spera, provvisoria affermazione del capitalismo nonché qui da noi la contemporanea ascesa del leghismo e quindi l’esaltazione spesso becera del localismo, hanno fatto in gran parte scomparire dai nostri media quanto succede a quelle latitudini.

 

Basti pensare che i colpi di stato fascistoidi avvenuti recentemente in Paraguay o in Honduras, o addirittura fatti sconvolgenti, come i quasi 500 prigionieri asfissiati o bruciati vivi in una prigione honduregna un paio di anni fa: sono stati al massimo citati in un paio di righe. Questo silenzio mediatico è stato rotto ultimamente da una parte da papa Francesco superstar, di cui non si può nascondere il passato di sacerdote dei poveri nelle periferie di Buenos Aires, dall’altra dagli avvenimenti in Venezuela.

 

In quest’ultimo caso, come anche per quanto sta succedendo in Ucraina, improvvisamente rinasce lo spirito della guerra fredda. In un caso (Kiev) si spera nell’apertura al grande capitale, nascondendo che il nuovo governo è farcito di neofascisti, nell’altro (Caracas) i grandi organi del capitale internazionale soffiano sul fuoco per fare cadere quel governo, che ha avuto la sfacciataggine di usare i proventi petroliferi a favore dei poveri, limitando lo strapotere dell’oligarchia finanziaria.


In fondo però, e mi si passi lo sfogo, volevo piuttosto parlarvi di qualcosa di più positivo. In particolare dell’elezione del nuovo presidente di El Salvador, Salvador Cerén Sánchez, che nel ballottaggio del 9 marzo ha superato per una manciata di voti il candidato della destra, e che meglio è conosciuto come “comandante Lionel”. Durante la lunga guerriglia contro il governo sanguinario di Arena, che era costata più di 50.000 morti, il nuovo presidente era stato uno dei comandanti più conosciuti nell’ambito della coalizione Fmln (Fronte Farabundo Martí de Liberación Nacional), che alla fine era riuscita ad imporre l’accordo di pace e di democratizzazione nel 1992.

 

Da allora l’Fmln è venuto a poco a poco affermandosi come il movimento politico principale del paese: nell’ultimo “governo di coalizione” Lionel era stato ministro dell’educazione, con ampi riconoscimenti da tutte le parti. Il fatto che ora, nonostante la feroce campagna anti-comunista di tipo “berlusconiano”, sia stato eletto, dimostra il grado di maturità politica raggiunto da questa ed altre società centro-americane.

 

Ma anche più a sud nel continente c’è un altro esempio simile: sto parlando dell’Uruguay, dove da un paio di anni è presidente José Mujica, che quale esponente della guerriglia Tupamaros ha passato ben 18 anni in prigione durante il periodo delle dittature militari. Mujica continua a vivere in una specie di baita, corrispondente ad un rustico ticinese, nella periferia di Montevideo, e si reca ogni giorno al palazzo presidenziale, dove si rifiuta di abitare, con una vecchia Volkswagen. Il suo prestigio (tutti sanno che ha un corpo martoriato dalle torture subite a che devolve quasi tutto il suo salario ad opere caritatevoli) gli ha permesso di far accettare provvedimenti “rivoluzionari” quale per esempio la legalizzazione dell’uso della marjuana.

 

Sia ben chiaro: non sto proponendo modelli da copiare, anche perché le realtà sono diverse: si tratta solo di rendersi conto che non dappertutto dominano, come è il caso attualmente in Europa, decrepitudine e pulsioni reazionarie, che permettono alle banche germaniche e al governo neoliberista dell’Ue di affamare quasi indisturbati i popoli del sud dell’Europa.

Pubblicato

Giovedì 3 Luglio 2014

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Gennaio 2023

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019