< Ritorna

Stampa

Elezioni comunali a Lugano

Da una destra all'altra

di

Francesco Bonsaver

“Tsunami”, “Terremoto”, i paragoni si sprecano per i risultati elettorali di Lugano. In realtà, c’è una continuità: la città è sempre orientata a destra e lo rimane in modo schiacciante. Il passaggio della maggioranza relativa dal Partito liberale alla Lega dei Ticinesi o la vittoria del candidato sindaco leghista Marco Borradori sul liberale Giorgio Giudici appaiono cambiamenti più di forma che di sostanza.

 

Certo, perdere il potere dopo 65 anni di dominio ininterrotto nel palazzo cittadino brucia ai liberali. Così come brucia l’aver perso la sfida per la poltrona più ambita. Forse però la saggezza popolare può fornire una chiave interpretativa: “chi è colpa del suo mal pianga se stesso”.


Nel 2009, sul domenicale leghista un articolo portava la seguente firma: I tre municipali della Lega dei Ticinesi, Giorgio Giudici, Giuliano Bignasca e Lorenzo Quadri. Una svista, una provocazione o semplice verità? Non lo sapremo mai. Non sono pochi però gli osservatori nostrani che concordavano nel definire, seppur sottovoce, Giudici il terzo leghista nell’esecutivo luganese, vista la comunanza di idee su svariati oggetti. Da quando è nata, Giudici non si è mai opposto alla Lega. Lo ha fatto solo ora, quando i leghisti insidiavano la poltrona su cui sedeva da 30 anni. Lo stesso confronto elettorale tra Giudici e Borradori è stato incentrato più sulle differenze caratteriali dei candidati che su eventuali differenze nel campo delle idee.


Su un punto vi è una sostanziale differenza tra i liberali e i leghisti: i bilaterali. I primi sono favorevoli perché sono stati voluti dal mondo economico, i secondi invece sono contrari poiché ne hanno intuito fin da subito le conseguenze sul mercato locale e l’enorme potenzialità nel farne un cavallo di battaglia elettorale, come avveratosi nei fatti.


Indicando nei frontalieri il capro espiatorio, la Lega aizza alla guerra tra i lavoratori, ben guardandosi dal denunciare chi trae profitto dalla corsa al ribasso dei salari. Per questo per i salariati luganesi, per i dipendenti comunali, avere una maggioranza leghista o liberale non cambia nulla: la filosofia e gli interessi restano quelli padronali.

 

Pubblicato

Venerdì 19 Aprile 2013

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 20 Gennaio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019