< Ritorna

Stampa

 

Costi dei farmaci, un tira e molla fra investitori e consumatori

di

Paolo Riva
Ancora solo una ventina di anni fa, l’Europa era il centro vitale della ricerca farmaceutica. Oggi le cose non stanno più in questo modo, con il 70 per cento dei nuovi farmaci che viene sviluppato e registrato negli Stati Uniti. Tempo dunque di chiedersi perché le cose vanno così, e soprattutto come fare a farle andare diversamente. A parte le questioni culturali, che sicuramente giocano un ruolo, ma non sono poi così determinanti come alcuni pensano, bisogna tirare in ballo considerazioni di tipo squisitamente finanziario, che ben spiegano la faccenda, almeno dal punto di vista degli imprenditori e degli investitori. Il fatto, per altro ben noto, è che in Europa esistono delle leggi che impediscono alle case farmaceutiche di approfittare ad oltranza delle proprie scoperte, proteggendo i consumatori in maggior misura rispetto agli Stati Uniti, dove sono invece i produttori di medicine ad avere il coltello dalla parte del manico, grazie ad una legge creata appositamente per accaparrarsi investitori, e che garantisce praticamente diritti illimitati a chi sceglie di trasferire le proprie attività di sviluppo oltreoceano. Da un punto di vista strettamente finanziario, è chiaro che si cerchi di guadagnare il massimo da un investimento, ma da un punto di vista politico mi permetto di esprimere un certo dissenso per dei governanti che di fatto condannano i loro stessi elettori a strapagare i farmaci che useranno, solo per garantire una presunta crescita economica. In sostanza la scelta è fra un prezzo dei farmaci relativamente controllato, che costa però in posti di lavoro e al limite in possibilità di scelta, o in prezzi fuori dal controllo delle autorità in cambio di ampia scelta e posti di lavoro in più. In altre parole, il legittimo desiderio di farmaci efficaci, il più efficaci possibile, rimane un sogno. Delimitato dagli interessi del pubblico da una parte, e da quelli degli investitori dall’altra. Non è la prima volta che questi due tipi di interessi si scontrano. E ho paura che non sarà l’ultima.

Pubblicato

Venerdì 8 Ottobre 2004

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 20 Gennaio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019