< Ritorna

Stampa

 

Contro xenofobia e pregiudizi

di

Angelo Ciampi
Il 20 giugno si celebra nel mondo la Giornata del Rifugiato, con la quale si vuole sensibilizzare l'opinione pubblica internazionale sul diritto, universalmente riconosciuto e sancito dall'articolo 14 della Dichiarazione universale dei diritti dell'Uomo del 10 dicembre 1948, di fuggire dalla propria terra natia per trovare ospitalità in un altro paese a causa di guerre, persecuzioni, minacce, violenze di ogni genere.
Nel 2008 tale destino ha riguardato 67 milioni di esseri umani (rifugiati e sfollati interni), dei quali un piccolissimo numero (per la precisione 16'606 persone) è giunto in Svizzera a inoltrare domanda d'asilo.
Ogni paese, a seconda delle rispettive problematiche che riguardano il tema dell'asilo, dedica la Giornata a un argomento specifico. Nel 2009 l'OSAR ha deciso di richiamare l'attenzione in Svizzera sui numerosi pregiudizi e luoghi comuni di cui sono vittime i richiedenti l'asilo e gli stranieri in genere. Ormai non siamo davanti solo a discorsi da bar ma a un fenomeno che si sta diffondendo in modo preoccupante anche in quella parte della popolazione che fino a qualche anno fa ne era immune. Al posto della disponibilità al dialogo e alla conoscenza reciproca troviamo atteggiamenti di chiusura privi di qualsivoglia riflessione sulle cause che portano milioni di persone ad abbandonare la loro terra natia e a trovare spesso rifugio dalle persecuzioni a migliaia di chilometri di distanza.
I rifugiati si attendono dalla Svizzera e dagli svizzeri molto di più di giudizi frettolosi e sommari che gettano discredito su interi gruppi sociali invece di condannare i comportamenti criminali di singole persone. Il ricorso ai pregiudizi libera dalla riflessione approfondita e fa torto ai tanti che sono giunti in Svizzera non per commettere azioni delittuose ma per scampare alla morte o all'oppressione. Marchiarli con i nostri luoghi comuni significa condannarli ancora una volta all'emarginazione e contribuire alla diffusione di una campagna fatta di intolleranza e razzismo.
Tanti pregiudizi e chiusure nascono dalla mancanza di conoscenza e soprattutto di incontro diretto con gli immigrati.
Per questa ragione occorre più che mai sviluppare politiche su più livelli (informativo, educativo, istituzionale) che portino all'educazione e alla convivenza. La reciproca conoscenza ci permette di eliminare paure ingiustificate e vedere lo straniero non come una minaccia ma come un'opportunità di crescita e progresso civile.
La Giornata del rifugiato che si celebra in Ticino sabato 20 giugno nell'ambito del festival musicale Festate a Chiasso vuole riaffermare con forza la difesa del diritto d'asilo e rilanciare il dibattito sul rispetto e il riconoscimento dei diritti umani. Si tratta di un percorso che deve portarci a guardare queste persone con altri occhi poiché una società che guarda con diffidenza gli stranieri è meno libera e democratica.

Pubblicato

Venerdì 19 Giugno 2009

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 18 Novembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019