< Ritorna

Stampa

 

Ciao

di

Alberto Nessi
Ripensando al pogrom di Rosarno di qualche settimana fa, la "caccia al negro" messa in atto da una parte degli abitanti di quella cittadina calabrese, il pensiero va ad Hannah Arendt e alla sua opera "Le origini del totalitarismo": i grandi libri hanno sempre a che fare con il presente.
In questo classico della politologia del Novecento, si analizza, fra le altre cose, la fine dei diritti umani, riferita specialmente agli apolidi (cioè a chi non ha cittadinanza in nessun stato), ai superstiti dei campi di sterminio, agli internati: «nel timore di essere equiparati a bestie, essi insistevano fanaticamente sulla loro nazionalità, l'ultimo segno della cittadinanza perduta, come l'ultimo superstite legame con l'umanità».
La stessa cosa può dirsi dei neri che, per noi, raccolgono agrumi nel sud dell'Italia. I clandestini, definiti "bestie" dai rosarnesi inferociti per la loro rivolta, causata da chi li ha presi a fucilate. I diversi, "la schiuma della terra", le vite di scarto, ai quali Adriano Sofri ha dedicato, su Repubblica, una toccante poesia, riprendendo il famoso testo poetico che Primo Levi mise ad epigrafe di "Se questo è un uomo" e che comincia con il verso "Considerate se questo é un uomo… „
– Non sono razzista, ma quelli sono bestie – ha dichiarato uno dei rosarnesi, intervistato dopo i fattacci. E allora, se sono bestie, si può sparare. D'altronde, anche da noi qualcuno in passato ha sparato agli zingari, anch'essi vite di scarto.
Mi è venuto in mente un altro libro apparso recentemente: "Uomini e caporali" di Alessandro Leogrande, che denuncia lo sfruttamento dei raccoglitori di pomodori nelle Puglie. Migliaia gli stranieri provenienti specialmente dell'Europa dell'Est, ridotti in schiavitù da caporali, spesso loro connazionali, al soldo dei proprietari terrieri. Giungono in Italia imbrogliati da intermediari, vivono in casolari diroccati e baraccopoli, si vendono per pochi euro. Lo scrittore, sull'esempio di Roberto Saviano, svolge un'inchiesta fra questi braccianti, vittime di soprusi nell'Italia berlusconiana.
Ho pensato ai raccoglitori di agrumi e di pomodori l'altro giorno, passando accanto a ombre in sosta nei pressi di un campetto di calcio in via Volta, a Chiasso, dove una volta scorrevano le acque del torrente Faloppia rosse di sangue del macello comunale. Erano lì, ghettizzati, a guardarsi in giro, estranei all'atmosfera di festa degli ultimi giorni di dicembre. Li ho guardati di straforo. Ma uno di loro mi ha guardato in faccia e mi ha detto ciao. Un semplice ciao; ma dietro c'era altro. Ho risposto ciao. E me ne sono andato a casa, dove arance e mandarini mi aspettavano nella fruttiera della cucina.

Pubblicato

Venerdì 29 Gennaio 2010

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Gennaio 2023

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019