< Ritorna

Stampa

L'editoriale

Ci si doveva preparare

di

Claudio Carrer

Testati negativi al coronavirus o vaccinati e talvolta con la mascherina. Sarà probabilmente solo a queste condizioni che nei prossimi mesi potremo tornare a viaggiare, ad assistere a un concerto, a goderci una partita di pallone dentro uno stadio o a frequentare cenoni, ambienti della vita notturna e dello svago. Allo stato attuale delle cose, a breve possiamo solo sperare di riconquistare questa sorta di “libertà vigilata”, che è comunque una boccata d’ossigeno sia per gli individui sia per le attività economiche più colpite da ormai un anno di pandemia, di restrizioni e di chiusure.
La nuova strategia dei test gratuiti e di massa avviata dal Consiglio federale il 15 marzo e i test auto-diagnostici in arrivo il 7 aprile, oltre a favorire l’individuazione dei casi e dunque frenare la propagazione del virus, dovrebbero aiutarci a stare un po’ più insieme in sicurezza e a concederci una moderata libertà. “Prima di una cena, di una visita ai parenti o di una
riunione, fatevi testare”, ripete il ministro della sanità Alain Berset.

 

Un’indicazione che sarebbe valida anche per i turisti che in queste settimane di vacanze pasquali si riversano nelle località più sensibili, come per esempio il piccolo Ticino. C’è però un problema: a tutt’oggi ottenere un appuntamento in farmacia per un test in assenza di sintomi è un’impresa, soprattutto in Ticino dove le autorità, il medico e il farmacista cantonali non hanno mai creduto nella strategia dei tamponi di massa e la stanno adottando senza alcuna convinzione. A volte, ci è stato segnalato, anche ponendo ostacoli incomprensibili a farmacie che si metterebbero a disposizione per eseguire i test.


Complice il ritardo con cui il Consiglio federale ha esteso a tutto il paese la strategia dei tamponi di massa sperimentata da mesi e con successo nei Grigioni, la Svizzera affronta nuovamente impreparata uno dei periodi più delicati di questa pandemia: con solo una piccola percentuale di popolazione vaccinata, la crescente mobilità delle persone, un generale (certamente comprensibile) rilassamento nei nostri comportamenti e una sempre più diffusa mancata applicazione delle norme di protezione, si rischia di trasformare la Pasqua nell’inizio di un nuovo incubo, di una nuova impennata dei contagi (questa settimana sia in Svizzera sia in Ticino è stato registrato il numero di casi giornalieri più alto da metà gennaio: 2.400 rispettivamente 138), dei ricoveri e purtroppo dei morti. Per comprendere la delicatezza della situazione basti guardare a quasi tutti gli altri paesi europei, che mantengono restrizioni per noi inimmaginabili come il confinamento e il coprifuoco. Senza dover ricorrere a tanto, ci si poteva e ci si doveva preparare meglio.


Prendiamo il caso del Ticino: non avrebbe forse avuto senso organizzare una campagna a tappeto e seria per il porto della mascherina nei luoghi affollati (obbligo che viene bellamente ignorato), magari anche offrendole in omaggio ai turisti? Oppure promuovere e mettere a disposizione di tutti i test rapidi? Probabilmente sì, ma il Consiglio di Stato si attiva presso il governo federale per ottenere una deroga e riaprire le terrazze dei ristoranti fino al 18 aprile. Come se il coronavirus avesse deciso di prendersi una vacanza fino a quella data.

Pubblicato

Giovedì 1 Aprile 2021

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 8 Ottobre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019