< Ritorna

Stampa

 
Eurovisioni

Che disastro la Brexit!

di

Andreas Rieger

È difficile da credere: in Gran Bretagna 14 milioni di persone vivono in povertà. Riscaldare casa o mangiare: è questa la scelta cui in molti sono costretti in questo momento di esplosione del costo di elettricità e gas. Eppure la recessione è appena iniziata. La Banca Nazionale prevede la crisi più lunga da molto tempo a questa parte. E un ulteriore milione di disoccupati. Il governo del primo ministro Rishi Sunak ipotizza dal canto suo uno scenario simile e prevede un calo del gettito fiscale. Ma la sua risposta, quella di ridurre la spesa e aumentare le tasse, non potrà che aggravare la recessione.  


La pandemia e la crisi energetica hanno certamente contribuito a rendere la situazione catastrofica, ma la causa principale va ricercata nella Brexit, nella decisione dei britannici col referendum del 2016 di uscire dall’Unione europea. Da allora le esportazioni verso l’Europa sono crollate e nel paese si è prodotta un’enorme carenza di manodopera, visto che molte cittadine e cittadini dell’Ue, sentitisi indesiderati, hanno lasciato il Regno Unito.


È sempre più evidente che la Brexit è stata un errore. Il progetto di una “Singapore sul Tamigi”, con tasse basse e manodopera a buon mercato, è fallito miseramente e definitivamente con il “governo lampo” (44 giorni di vita) di Liz Truss. Ma la politica non osa ammetterlo: non lo fanno né i Tories (il partito conservatore al governo, che ha guidato l’uscita dall’Ue con questa “grande” promessa), ma nemmeno i Laburisti. Da questi ultimi ci si potrebbe perlomeno aspettare la volontà di riaprire il paese al commercio e all’immigrazione dall’Ue, combinata con la strategia di “proteggere i salari invece delle frontiere”. Come facciamo noi in Svizzera con le misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone, con un certo successo.

 

Ma nel Regno Unito sta accadendo l’esatto contrario: il leader laburista Keir Starmer, all’insegna del motto “make Brexit work”, ha infatti l’ambizione di “far funzionare la Brexit”. E, tra le varie cose, vuole anche meno immigrazione. Ma a queste condizioni, come si può pensare di rimettere in piedi il servizio sanitario dove mancano migliaia di addetti? È da tempo che i socialdemocratici britannici sbagliano in materia di politica migratoria. Già il modernista Tony Blair (Premier tra il 1997 e il 2007) era contrario a delle misure di accompagnamento. Mentre il già leader laburista Jeremy Corbyn vedeva la libera circolazione delle persone non come un diritto dei lavoratori, ma come un progetto neoliberista.


Mentre la politica non riesce a fermare il declino economico, i sindacati lottano contro i portafogli vuoti. L’associazione professionale degli infermieri ha calcolato che le politiche di austerità e l’inflazione negli ultimi 12 anni hanno eroso i salari reali di ben il 20 per cento. Di qui la richiesta di aumenti delle retribuzioni del 17% per il 2023, che il governo considera però un’operazione troppo costosa e su cui non è disposto a negoziare. Ora, per la prima volta nei suoi 100 anni di storia, l’associazione di categoria ha invitato i suoi 300.000 membri a organizzare uno sciopero nazionale il 15 e il 20 dicembre.

Pubblicato

Giovedì 15 Dicembre 2022

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 2 Febbraio 2023

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019