< Ritorna

Stampa

 

C'era una volta l'arbitro cornuto

di

Antonio Bolzani
Secondo un’indagine statistica della Fifa, sono oltre 240 milioni le persone che giocano al calcio nel mondo; la nazione con il maggior numero di praticanti sono gli Stati Uniti con 18 milioni. Si tratta dell’ennesima conferma che il football è lo sport più praticato al mondo, una riprova della sua grande popolarità e della sua capillare diffusione in tutti i continenti. La Fifa ci ha invece lasciato all’oscuro della quantità di arbitri che gravitano sui campi della Terra; ebbene, a proposito dei direttori di gara e della loro passione, sarebbe interessante conoscere e capire le ragioni e gli stimoli che si celano dietro delle carriere che presentano non poche insidie e che richiedono una forte personalità in un contesto propenso all’eccesso e all’esasperazione e che, in alcune sue forme, si è progressivamente deteriorato. «Ma chi glielo fa fare ?» ci siamo spesso domandati quando abbiamo visto i cosiddetti «fischietti» soli e abbandonati, massacrati dalla contestazione, dal disprezzo e dagli scherni di folle inferocite ed aizzate da un ambiente spesso ostile e sospettoso nei confronti delle stesse «giacchette nere» che frequentemente diventano – per i tifosi, i giocatori, gli allenatori e i dirigenti – i capri espiatori di ogni situazione. Un arbitro forse è mosso dall’amore per la giustizia e da un innato senso dell’equità; oppure ancora dalla vanità e dall’ambizione personale; dal piacere di comandare e di dirigere una partita e dei giocatori; da una certa inclinazione verso il masochismo; dalla pura passione; dalle scarse qualità e dalle insufficienti attitudini per diventare calciatore; dalla concreta possibilità di restare nel «giro» dopo tanti anni trascorsi sui campi come giocatore; o magari, dal desiderio di auto-convincimento di essere davvero cornuto o venduto…! Sulla dura vita degli arbitri è uscito quest’anno un simpatico libro curato da Luca Cardinalini, edito da Mondadori ed intitolato «Cornuti e mazziati». È una pubblicazione sulle esilaranti ed infuocate domeniche sui campi di calcio, sulle risse, sulle intemperanze fisiche e orali e sulle discussioni più clamorose. Insomma, tutto ciò che di impensabile e di cattivo esempio accade ogni domenica sui campi italiani del calcio amatoriale. E anche alle nostre latitudini la «musica» per le nostre orecchie è più o meno la stessa; purtroppo però oggi all’arbitro non si dà quasi più del «cornuto». È un peccato, ma il vocabolario si è adattato ai tempi. Oggi ci si sgola in insulti di ogni tipo, ma gli odierni repertori dell’aggressività verbale ci fanno rimpiangere i tempi in cui si alludeva, con delle grida indignate che restavano nell’aria, alle vicende coniugali e intime di quegli indifesi signori in nero.

Pubblicato

Venerdì 28 Settembre 2001

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019