< Ritorna

Stampa

 

Bush, "Schwarzy" e gli (a)steroidi

di

Libano Zanolari
Chi l’avrebbe mai detto: nel suo discorso annuale sullo “Stato dell’Unione” George W. Bush fra le galassie del terrorismo che ruotano attorno a Bin Laden e quelle che ruotano nello spazio infinito ci ha messo pure gli steroidi che qualcuno ha prontamente confuso con gli omarini verdognoli (prima o poi dovranno pur presentarsi davanti al robot e fare “ciao mamma”). Bush invita il mondo della sporta a cambiar strada, a “mandare il messaggio giusto: liberarsi dagli steroidi anabolizzanti, adesso”. Il presidente deve aver letto le statistiche che si pubblicano negli Usa a partire dal 1984 (Olimpiadi di Los Angeles) quando lui era un semplice ubriacone e comandava suo padre. Il 15-20 per cento dei liceali (high schools) ingoia steroidi, il 20-30 per cento è disposto a morire sui 50 anni in seguito al doping pur di conquistare ricchezza e fama grazie allo sport. I 4 grandi del professionismo Usa (football, baseball, hockey e basket) sono attenti solo all’assunzione di cocaina e sostanze simili: gli anabolizzanti gonfiamuscoli non sono nemmeno controllati. In modo del tutto logico se si possono tranquillamente acquistare nei “Vitamin Shops” assieme alla “betacarotene” e al “ginseng”, Il muscolo come culto, come diritto e anzi come dogma, esattamente come il “dogma” dei greci, al contrario, era la proporzione e l’armonia. I cosiddetti “dilettanti” olimpici, in primo luogo gli atleti e i nuotatori devono invece sottostare alla legislazione internazionale olimpica o delle grandi federazioni. Ma in realtà non lo fanno perché si appellano alla “privacy” e al fatto che qualsiasi giudice di qualsiasi paesino Usa può decretare illegale una squalifica di 2 anni (“Berufsverbot”) e chiedere una barca di soldi per danni morali e finanziari. I ladri di primati sportivi e fraudolenti sono dunque protetti, anche perché conquistano molte medaglie. Dopo pesanti pressioni, visto che gli altri non ci stanno più a dover denunciare da soli il doping, gli Usa hanno rivelato che 24 atleti saliti sul podio ai Giochi Olimpici a partire dal 1984 fino al 2000 erano dopati. Ma i nomi non sono stati rivelati, e medaglie non saranno restituite. Bush si è mosso anche in seguito allo scandalo del laboratorio di San Francisco (Balco) che produceva il Thg sotto la direzione del sedicente “nutrizionista” Victor Conte, ex bassista del gruppo Funk-Soul “Tower of Power”, detto “Walking Fish”, pesce che cammina, per il suo modo di muoversi sulla scena. Lui invece si muoveva fra i grandi campioni e li foraggiava. Fra i clienti anche la famosa coppia Marion Jones – Tim Montgomery, i più veloci del mondo. Bush figlio teme per il futuro della gioventù Usa dai muscoli artificiali: smentisce clamorosamente suo padre che per raccattare qualche voto aveva promosso l’allora “Mister Universo” Arnold Schwarzenegger, anabolizzato sino al midollo come tutti i culturisti, “consigliere del Presidente per lo Sport”. Come mettere una faina a dirigere un pollaio (con l’assistenza di una martora e la supervisione di un falco).

Pubblicato

Venerdì 13 Febbraio 2004

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019