< Ritorna

Stampa

 

Brevetta il tuo domani, paghiamo noi

di

Paolo Riva
Facciamo una fatica bestia a capire qualcosa del mondo economico emerso, figuriamoci se alla questione aggiungiamo le lotte sommerse, che in realtà determinano il vero andamento dell'economia. Una delle più agguerrite, e contemporaneamente più attuali, è la guerra dei brevetti, il cui svolgimento di fatto modifica gli orientamenti e le scelte, di aziende che sono più che presenti nella nostra vita quotidiana. I brevetti, si sa, garantiscono il rispetto della proprietà intellettuale, e sanciscono i beneficiari dello sfruttamento commerciale di una determinata invenzione, e fin qui nulla di male, ma quando i brevetti vanno a coprire prodotti inesistenti, o addirittura procedimenti comunemente messi in atto da tutti gli individui, allora la puzza di imbroglio diventa fortissima. La questione viene regolarmente riportata in auge da questa o quella questione. Si è parlato di brevetti in merito ai prezzi dei farmaci e allo sviluppo dei cosiddetti medicamenti generici, poi la discussione si è riaccesa quando qualcuno ha avuto l'idea di coprire da brevetto il genoma umano, e ora si torna a parlare del tema, di fronte all'industria informatica che sta letteralmente impazzendo di fronte a una vera e propria febbre da caccia al brevetto, che tanto ricorda la corsa all'oro. Nel caso specifico quello che sta succedendo, è che alcune società si sono accorte che la velocità in cui si è sviluppata internet, e il mondo informatico che la circonda, ha lasciato sguarnite da brevetto alcune trovate decisamente geniali, nel frattempo adottate da milioni di persone, incuranti e ignare di utilizzare prodotti o procedimenti che non creano benefici economici a nessuno. E non solo questi avvoltoi si buttano a brevettare a proprio nome delle trovate di altri, in modo da influenzare il mercato in modo decisamente scorretto, ma addirittura hanno iniziato ad immaginare ciò che potrà essere, proteggendo di fatto solo alcune visioni. Come se Giulio Verne avesse brevettato i viaggi spaziali, dopo averli immaginati nel suo libro “Dalla terra alla luna”. Oggi probabilmente la Nasa sarebbe francese, e la classifica degli uomini più ricchi del mondo conterebbe almeno un francese in più. Ma non basta, non solo si lavora di fantasia per fare il grano con prodotti nuovi o presunti tali, ora si brevettano anche i procedimenti per fare affari, come ha ben dimostrato Jeff Bezos, boss di Amazon, che da anni querela con successo i concorrenti che imitano le sue trovate per accaparrarsi i clienti. Fatto sta che attorno ai brevetti girano i miliardi, e che questi miliardi le società li vogliono recuperare, se possibile, moltiplicati. Riuscite ad indovinare chi è predestinato a pagare? Bravi, avete indovinato!

Pubblicato

Venerdì 23 Aprile 2004

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 20 Gennaio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019