< Ritorna

Stampa

 

Berremo il tè solo dopo aver difeso il contratto

di

Andreas Rieger
In un solo giorno hanno dovuto lavorare per 18 ore gli operai sul cantiere dell'inceneritore di Giubiasco. È Unia che lo ha denunciato. Gli impresari costruttori ticinesi hanno risposto che in casi eccezionali una giornata di lavoro così è "normale". Edo Bobbià, il loro presidente, ha aggiunto che invece di protestare il sindacato avrebbe fatto meglio a portare del te caldo ai lavoratori. Agli albori del capitalismo per i padroni giornate lavorative di più di 12 ore erano "normali". Le conseguenze: famiglie lacerate, incidenti, morti precoci fra le lavoratrici e i lavoratori. Per la società questo divenne intollerabile, furono così emanate le prime norme legali a tutela dei salariati.
Ci vollero decenni di lotte finché anche i datori di lavoro riconoscessero ai loro dipendenti le tutele necessarie e fossero pronti a sottoscrivere dei Contratti collettivi di lavoro (Ccl) con i sindacati. Questi fissarono un tempo massimo di lavoro, dei minimi salariali e la garanzia dello stipendio in caso di malattia. Così la Svizzera fu chiamata il Paese del "partenariato sociale". Ciò che era ed è ancora oggi esagerato perché molti lavoratori sono rimasti senza Ccl. Ma nell'edilizia, grazie ad un sindacato forte, fu possibile elaborare un buon Ccl. E questo è oggi tanto più importante in quanto con la libera circolazione delle persone le frontiere sono aperte. Oggi il Ccl è lo strumento necessario per impedire il dumping salariale. Ma gli impresari costruttori hanno ingranato la retromarcia: «abbiamo bisogno di un Ccl che garantisca alle imprese la libertà necessaria», dice il loro presidente nazionale Werner Messmer. Più libertà – e meno Ccl: è un programma di progressivo smantellamento delle tutele garantite ai lavoratori. Che non vengono strapazzati fino allo sfinimento soltanto in Ticino: in estate giornate lavorative di 10 ore sono spesso "normali", in più non di rado ci si aggiungono ore straordinarie.
In queste condizioni Unia dovrebbe mettersi a servire il te? Dobbiamo stare a guardare come sempre più spesso attraverso il ricorso a lavoratori temporanei o distaccati si fa pressione sui salari? Noi diciamo: No! Tutti i lavoratori e le lavoratrici hanno bisogno di essere difesi da condizioni di lavoro che li rendono ammalati. E la migliore protezione la garantiscono i Ccl, come il Contratto nazionale mantello (Cnm) dell'edilizia. I lavoratori edili e Unia si oppongono allo smantellamento delle tutele sociali. Oggi la nostra lotta più importante è dunque quella a difesa del Cnm. Se esso verrà a mancare, l'esempio degli imprenditori edili farà scuola. Allora tutti i salariati e le salariate di questo Paese ne sentiranno le conseguenze. Per questo Unia lancia un appello a tutte e a tutti a partecipare alla manifestazione nazionale di Zurigo del 22 settembre. Potremo permetterci una pausa per il te soltanto quando i lavoratori dell'edilizia avranno di nuovo il loro Cnm.



* copresidente del sindacato Unia

Pubblicato

Venerdì 14 Settembre 2007

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 18 Novembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019