< Ritorna

Stampa

 

Beni non dichiarati e mini amnistia

di

Dino Nardi

Da un po’ di tempo, ormai, tra gli italiani in Svizzera e nel loro mondo associativo l’argomento principale di discussione è diventato “il fisco”. Quantomeno per coloro che possiedono in Italia dei beni mobili (conti bancari/postali; investimenti finanziari come, per esempio, Buoni fruttiferi; polizze sulla vita; pensioni italiane o di altri Paesi terzi), oppure dei beni immobili (case e/o terreni). Ovvero nella comunità italiana ci si sta domandando e preoccupando di come fare se non si sono mai dichiarati al fisco locale i beni posseduti in Italia, magari in tutta buona fede, pensando che questi loro beni non dovessero essere dichiarati anche al fisco elvetico essendo ritenuti già tassati in Italia. Anche se di questi obblighi nei confronti del fisco elvetico la comunità italiana doveva essere perfettamente a conoscenza visto che, fin dal lontano 1976, è in vigore tra la Confederazione e l’Italia una Convenzione per evitare le doppie imposizioni fiscali.


Adesso, dopo gli ultimi accordi fiscali entrati in vigore tra la Svizzera e l’Italia (che prevedono lo scambio automatico di informazioni), il clamore che questi accordi hanno avuto nei media locali, nonché per la diffusa campagna informativa messa in atto dalla Uim e dall’Ital Uil tra la comunità italiana, in molti ci si è resi conto che questi beni, pur posseduti fuori dalla Confederazione, devono essere comunque dichiarati anche al fisco elvetico.


Per fortuna, come già abbiamo avuto modo di ricordare in passato anche in questa rubrica, in Svizzera è in vigore la mini amnistia fiscale introdotta nel 2010. Pertanto le persone interessate, qualora se ne volessero avvalere autodenunciandosi spontaneamente alle autorità fiscali, eviteranno una denuncia per frode (reato penale) e non incorreranno in una multa. A loro si applicherebbe il semplice recupero ordinario di imposta e gli interessi di mora con una retroattività per dieci anni al massimo. Mentre, se il possesso di questi beni fosse stato nascosto al fisco elvetico da un familiare defunto, il recupero dell’imposta sugli anni precedenti e gli interessi di mora saranno riscossi a carico degli eredi solo per gli ultimi 3 anni (non più per 10 anni) che precedono l’anno del decesso del dante causa. Dal 2010 ad oggi nella Confederazione si sarebbero avvalse di questa mini amnistia circa 30.000 persone (autodenunce record nel 2016 si sono avute a Zurigo dove sono state 2.100, 600 in più dell’anno precedente; più di 2.000 anche a Ginevra mentre in Ticino si sono verificati 963 casi) facendo emergere valori patrimoniali per poco meno di 15 miliardi di franchi. Ovviamente l’aver taciuto al fisco svizzero beni patrimoniali e/o redditi di una certa importanza potrà causare grossi problemi a coloro che sono al beneficio (o che ne hanno beneficiato in un recente passato) di prestazioni sociali condizionate a un determinato limite di reddito come, per esempio, le prestazioni complementari all’Avs-Ai.

Pubblicato

Mercoledì 24 Maggio 2017

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019