< Ritorna

Stampa

 
Italia, regionali 2015

Battuta d'arresto per il rottamatore

di

Loris Campetti

È il modello americano. Il voto conta sempre meno, ciononostante conta solo chi vota. Non è per distrazione ma per scelta politica se le astensioni hanno smesso di interessare i partiti, persino quando i votanti sono a stento il 50% dei potenziali elettori in tornate importanti come quella che si è tenuta in 7 regioni italiane.

 

Era già successo lo scorso anno nell'Emilia rossa e il fenomeno di abbandono che segna la distanza dalla politica si è ripetuto domenica scorsa. Sarà un problema se in regioni storicamente di sinistra come Toscana e Marche va a votare meno della metà dei cittadini? Non lo è, il Pd ha vinto 5 a 2, viva Renzi. Eppure Renzi ha perso, la sua marcia trionfale ha subito un brusco arresto. Il rottamatore ha costretto la sua sinistra in un angolo e così l'ha perduta, come è successo in Liguria passata a Toti, lo scendiletto di Berlusconi. Qui la Lega è volata al 20% e in tutto il nord e il centro Salvini ha doppiato Forza Italia minacciando feroci battaglie navali e metropolitane contro migranti e rom. A sinistra di un Pd orfano di un bistrattato Cofferati, in Liguria è andato quasi il 10%, quanto è bastato per consentire a Toti di battere l'indagata renziana Paita. E adesso il premier butta veleno contro i traditori. Ma il traditore è lui che sta traghettando il Pd fuori dai valori della sinistra.


Il Pd con i suoi alleati conquista comunque 5 regioni su 7, strappando alla destra la Campania con il sindaco-sceriffo condannato di Salerno, Vincenzo De Luca. Ha vinto con i voti di tutti e alla faccia di tutti, anche dell'Antimafia che l'aveva bollato come impresentabile. Rivince senza sforzo in Toscana (dove la sinistra ha ottenuto un buon risultato) e nelle Marche, ma anche in Puglia con il poco renziano Emiliano mentre a fatica difende la bandierina in Umbria. In Veneto trionfa la Lega con Zaia che supera il 50% dei voti nonostante lo scissionista Tosi strappi il 12% dei consensi. Berlusconi nel Nordest è marginale (18% la Lega e 6% FI), a dominare l'alleanza delle destre è Salvini sia al nord che al centro. E in Veneto il Pd con l'ultrà renziana Moretti perde più del 20% dei voti conquistati da Renzi alle Europee.


Stare con la Fiat contro la Fiom per bastonare gli operai e con i presidi dittatori per bastonare studenti e docenti sta penalizzando Renzi, la cui base lo abbandona scegliendo (poco) la sinistra e Movimento 5 Stelle e (molto) l'astensione. A destra la leadership passa da un Berlusconi cotto a un Salvini (con i suoi amici fascisti) strabordante. Ma c'è un altro vincitore oltre all'indossatore di felpe demenziali: è Grillo con il suo Movimento 5 Stelle che per la prima volta sfonda anche in elezioni amministrative scavalcando le destre in Puglia e nelle Marche e raccogliendo ovunque risultati a due cifre, anche sopra il 20%. È un altro segnale della crisi della (cattiva) politica. Tra due settimane ci saranno i ballottaggi per i sindaci in molti capoluoghi, tra cui Venezia.

Pubblicato

Martedì 2 Giugno 2015

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 20 Gennaio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019