< Ritorna

Stampa

 

Baluardo del liberismo

di

Generoso Chiaradonna
Le riunioni ministeriali nell’ambito dell’Organizzazione mondiale del commercio (Omc o Wto, come dir si voglia) sono diventate un puro rito mediatico. Nessuno, in realtà, crede più all’efficacia e alla necessità di questa sorta di turismo congressuale. Non tanto per le legittime proteste no global che fanno da corollario – da Seattle in avanti –, ma per una constatazione ovvia: non si vedono differenze sostanziali rispetto all’obsoleto Gatt e ai suoi tradizionali cicli di round negoziali. La creazione dell’Omc nel 1994 aveva dato adito a speranze eccessive. Finalmente, ci si era detti, si è creata una sorta d’Onu specifica per i problemi dello sviluppo economico e sociale che avrebbe coinvolto anche i Paesi del cosiddetto terzo mondo. Una sorta di unico tetto sotto cui si sarebbero discusse le vie percorribili da tutti i Paesi aderenti agli statuti dell’Omc per raggiungere un illusorio progresso. Nulla di tutto ciò è accaduto. In realtà si è solo completata la triade maledetta che governa il mondo. A fianco del Fondo monetario internazionale e alla Banca mondiale, si è aggiunta l’Organizzazione mondiale del commercio: una sorta di baluardo con una falsa allure di democrazia per la difesa e la proliferazione dell’ortodossia liberista. I motivi sono presto detti: i rapporti di forza all’interno dell’Organizzazione mondiale del commercio si sono subito delineati, semmai ce ne fosse stato bisogno, a favore dei soliti noti. Con i vari accordi multilaterali settoriali i paesidell’Occidente bianco e cristiano hanno avuto un’occasione in più per ribadire chi comanda. Con che coraggio il ministro svizzerodell’economiaJoseph Deiss è andato alla cinque giorni messicana da un lato per chiedere agli altri membri del Wto, pensiamo anche a quelli appartenenti al mondo in via di sviluppo, un nuovo accordo multilaterale sugli investimenti (Ami) per proteggere gli investimenti esteri delle grasse multinazionali, e dall’altro per difendere allo stesso tempo i contadini svizzeri? Lo stesso discorso vale ovviamente per i ministri dell’agricoltura dell’Unioneeuropea sempre intenti a difendere il proprio orticello, salvo poi sconfinare in quello degli altri. Il principio evangelico del «non fare agli altri quello che non vorresti che fosse fatto a te» è presto dimenticato.

Pubblicato

Venerdì 12 Settembre 2003

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019