< Ritorna

Stampa

 

Baggio, sinonimo di spettacolo

di

Antonio Bolzani
Il tormentone Baggio ha preso avvio in grande stile: Trapattoni lo deve portare ai prossimi Campionati Mondiali ? Il dibattito è apertissimo e i sondaggi si moltiplicano in una nazione che sembra divisa sull’opportunità di vedere il numero 10 del Brescia ancora presente e magari nuovamente protagonista in una importante rassegna iridata. Intanto, il suo ritorno a 77 giorni dall’intervento chirurgico al ginocchio, ha dell’incredibile; ma Roberto Baggio, come ha annotato Giorgio Tosatti sul Corriere della Sera di lunedì scorso, «voleva e vuole prendere parte per l’ultima volta al Mondiale. Quindi ha ordinato a muscoli, tendini e cartilagini di fare in fretta: mica poteva perdere quel sogno per loro. Chi ne ha seguito il lavoro l’ha definito un marziano. Doveva tornare in campo prima che Trapattoni diramasse le convocazioni e ci è riuscito. Doveva farlo in modo da stupire, da istillare il sospetto che forse potrebbe davvero essere utile in Giappone: ecco scodellati due gol, raggiunta quota 180, nessun calciatore del nostro campionato, fra quelli in attività, ha segnato quanto lui». Se a questa cifra da primato (180 reti non sono poche!), aggiungiamo la classe cristallina e l’immenso carisma di questo fuoriclasse con gli occhi buoni ed un sorriso in bilico tra una spensierata allegria ed una consapevole nostalgia, ci sembra doverosa e più che legittima la sua partecipazione alla prossima Coppa del Mondo. «In questo calcio tutto muscoli, pressing, falli tattici e noia, – scrive ancora Tosatti – Roberto Baggio è una garanzia di emozioni. È talento, poesia, dramma, sberleffo e divertimento. Non solo: sembra quasi che il destino abbia deciso di regalargli una vita romanzesca, così piena di trionfi, cadute, resurrezioni e dolore, da intenerire la gente»: insomma, come si fa a lasciare a casa un campione di questo calibro? La sfida è oramai tra il cuore di molti appassionati di football, che lo vorrebbero ancora ammirare in un Mondiale, e le ragioni del Trap, che probabilmente desidera contare su giocatori più affidabili e meno «ingombranti» da gestire. Intanto, il cuore di quattro deputati di Forza Italia li ha portati a rivolgersi al ministro per i Beni Culturali, Urbani, per sollecitare l’inserimento di Baggio nella lista dei 23 azzurri per i Campionati Mondiali. Secondo questi politici, la sua convocazione è un atto dovuto al calcio italiano e in qualche modo al popolo italiano, almeno a quella parte che segue le vicende pallonare. A loro avviso, il Codino rappresenta meglio di chiunque altro il football inteso come arte, eroismo e poesia. Nulla da dire, il rapporto tra Forza Italia e i commissari tecnici degli azzurri è davvero costante: due anni fa, subito dopo i campionati europei, Silvio Berlusconi spinse Dino Zoff a dimettersi. Oggi, quattro suoi colleghi di partito, invitano Giovanni Trapattoni a non dimenticarsi di Baggio. E se alla prossima coppa del mondo fosse un rappresentante del governo che decidesse la formazione da mandare in campo? Meglio di no, sarebbe troppo sbilanciata a destra!

Pubblicato

Venerdì 26 Aprile 2002

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 18 Novembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019