< Ritorna

Stampa

 

Attrezzi del mestiere e apprendisti al volante

di

Felicitas Huggenberger
Il 1o luglio 2004 inizierò un nuovo lavoro. Ho già sottoscritto il contratto. Il mio futuro datore di lavoro mi ha comunicato che il primo giorno di lavoro dovrò portare una cassetta con tutti gli attrezzi che vengono normalmente utilizzati da un falegname. Questi attrezzi sono però molto costosi. Devo proprio comprarli? L'art. 327 del Codice delle obbligazioni (Co) stabilisce il principio in base al quale il datore di lavoro è tenuto a fornire al lavoratore gli utensili e il materiale di cui ha bisogno per svolgere il proprio lavoro. Solo la pratica o un accordo concluso con il datore di lavoro possono far nascere a carico del lavoratore l'obbligo di acquistare gli utensili o il materiale (coma avviene ad esempio per i musicisti). In tal caso, però, il datore di lavoro deve rimborsare i costi sostenuti dal lavoratore. Ciò significa che il suo nuovo datore di lavoro non può esigere che lei compri gli attrezzi. Il primo giorno di lavoro egli è tenuto a fornirle tutto il materiale necessario a svolgere il lavoro di falegname. Lei potrebbe comunque concordare con il datore di lavoro di acquistare gli attrezzi. In questo caso, però, lui avrebbe l'obbligo di rimborsarle i costi. Seguendo le istruzioni del mio maestro di tirocinio ho spostato la macchina aziendale dal magazzino al parcheggio. Facendo retromarcia sono andato a sbattere contro un palo che non avevo visto. Ho solo 16 anni e so che in realtà non potrei guidare. Devo pagare il conto delle riparazioni? Mediante il contratto di tirocinio, il maestro di tirocinio si obbliga a formare adeguatamente l'apprendista in una determinata professione. I compiti affidati all'apprendista non possono superare le sue possibilità e le sue capacità. Il datore di lavoro è obbligato a proteggere la salute dei suoi lavoratori e dei suoi apprendisti. Protezione della salute significa anche che il datore di lavoro deve tutelare i propri lavoratori e i propri apprendisti anche dagli incidenti causati dagli stessi per colpa propria, a meno che il loro comportamento sia dettato da imprevedibilità e negligenza. Il suo maestro di tirocinio sapeva che lei ha 16 anni e che quindi non può avere la licenza di condurre. L'incarico affidatole non corrisponde alle sue capacità; inoltre il maestro di tirocinio non ha protetto sufficientemente la sua salute, dato che l'incidente avrebbe potuto avere conseguenze più gravi. Il suo datore di lavoro deve quindi pagare tutti i danni derivanti dal sinistro.

Pubblicato

Venerdì 4 Giugno 2004

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019