< Ritorna

Stampa

 

Assistenza fra risparmio e investimento

di

Martino Rossi
I poveri e le spese d’assistenza aumentano, i bilanci pubblici si sbilanciano. Per contenere le spese ci sono due vie: diminuire il numero di beneficiari, ridurre le prestazioni. Lo scorso 3 dicembre, la Conferenza svizzera dell’azione sociale ha adottato le nuove direttive per l’assistenza, con l’intento di percorrere simultaneamente le due vie. Il risultato è un grosso pasticcio. La prima riforma riduce le prestazioni. Si diminuisce dell’11 per cento il forfait destinato alla copertura del fabbisogno di base (esclusa la pigione e la cassa malati): per una persona sola, da 1’076 a 960 fr./mese. Sino ad oggi, la base di calcolo era il tenore di vita del 20 per cento più povero della popolazione; ora quello del 10 per cento. Con i nuovi limiti, i poveri “diminuiranno”: è come truccare il termometro per ridurre gli ammalati. La seconda riforma deriva dalla cattiva coscienza per la prima. Viene introdotto un “supplemento d’integrazione” (da 100 a 300 fr./mese) per ogni persona di oltre 15 anni che si impegna a fornire una “controprestazione”: formazione, apprendistato, programmi di occupazione, volontariato... Chi non può “meritarsi” il supplemento (perché ammalato, invalido, anziano, oberato dalla cura dei figli, o perché non vi sono “programmi d’inserimento” in cui coinvolgerlo) ha comunque diritto al supplemento minimo. In definitiva, tutti ne beneficieranno, salvo i “recalcitranti”. Questo supplemento compensa la riduzione del forfait. Il problema è che ne può beneficiare solo chi ha un “reddito disponibile residuale” (Rdr: reddito netto meno premio cassa malati e pigione) inferiore al fabbisogno di base di 960 fr./mese ed è ammesso all’assistenza. Conviene quindi avere meno di quel reddito soglia: la disponibilità finale sarà maggiore di quella di chi ne ha poco di più. La terza riforma mira a ridurre i beneficiari di prestazioni incentivandoli a lavorare. L’incentivo adottato è chiamato “franchigia sul reddito da lavoro”: chi contribuisce alla copertura del suo fabbisogno lavorando riceve una prestazione maggiorata (da 400 a 700 fr./mese) rispetto a chi non lavora. L’incentivo così concepito è assurdo. Infatti, se un lavoratore consegue un reddito netto di 2’000 fr./mese e paga 200 fr. di cassa malati e 800 di pigione, il suo Rdr è di 1’000 fr.: più dei 960 fr. del fabbisogno di base, ed è quindi escluso dall’assistenza. Se invece guadagnasse 1’900 fr., il suo Rdr sarebbe di 900 fr. e potrebbe beneficiare delle prestazioni: 60 fr. di prestazione ordinaria (960 - 900) e 400 fr. di “franchigia”: il suo Rdr salirebbe a 1’360 fr. (900+60+400), più di quello del lavoratore escluso dall’assistenza! Decisamente, la formula magica per risparmiare sui poveri e investire nella loro autonomia non è ancora stata trovata…

Pubblicato

Venerdì 17 Dicembre 2004

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 29 Settembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019