Diario di classe

Poter decidere di continuare a lavorare, anche con figli piccoli, nella tranquillità di poter far capo ad asili nido affidabili e sicuri è possibile solo se si è certi di poter contare su asili nido di qualità in grado di permettere ai bambini a loro affidati di poter avere quei servizi, quelle cure, quegli stimoli, quell’accompagnamento che è condizione indispensabile per una crescita sana del bambino. Ma la qualità da sola, seppur fondamentale, non basta ancora!


Un altro elemento irrinunciabile, per i genitori, è che gli asili nido siano finanziariamente sostenibili per le famiglie. Spesso infatti i costi per questi servizi sono elevati e, salvo le fasce di reddito più basse, non sono finanziati o sostenuti da contributi. E questo può rappresentare un problema per i genitori in generale, ma più in particolare per le famiglie monoparentali e quindi per molte donne che percepiscono salari bassi o medio bassi.


Capita così a diverse famiglie del ceto medio basso e medio di dover investire nella retta dell’asilo nido fino a ben oltre la metà del salario di uno dei due genitori o dell’unico genitore capofamiglia. Cosa che rende il far capo all’asilo nido un onere troppo importante e quindi insostenibile. Ma se la scuola è un diritto offerto a titolo gratuito a tutte le bambine e tutti i bambini del nostro cantone, perché non prevedere che l’offerta di asili nido, che svolgono anche compiti formativi oltre che di accudimento, non sia altrettanto gratuita?


I vantaggi di una simile offerta sull’insieme del Paese sono evidenti!
Più genitori che lavorano producono più reddito che, a sua volta, produce maggiori entrate fiscali. Inoltre vi sarebbe un accresciuto versamento di oneri sociali con evidenti benefici per le entrate delle assicurazioni sociali.
In altre parole offrire alle lavoratrici e ai lavoratori un asilo nido di qualità a titolo gratuito sarebbe un ottimo investimento, con ricadute che compenserebbero nel medio periodo i maggiori oneri sostenuti. Insomma le ricadute sarebbero ben maggiori di molti investimenti fatti su edifici e strade!


Certo, l’offerta dovrà essere capillare, di qualità e, come proposto, gratuita. In tal senso è bene sottolineare, in aggiunta a quanto sopra ricordato, l’effetto positivo di una simile proposta sul galoppante invecchiamento della popolazione del nostro Cantone, visto che una simile rete di asili nido richiamerebbe o ancorerebbe molte giovani famiglie al nostro territorio, ancora una volta con ricadute finanziarie e sociali molto interessanti.


L’introduzione di asili nido gratuiti e di qualità fornirebbe cioè un contributo importante e significativo alla qualità del tessuto economico ticinese e alla crescita del reddito delle persone fisiche di questo cantone. Insomma a tutti gli effetti sarebbe davvero un ottimo investimento economico!

Pubblicato il 

21.10.21
 
Nessun articolo correlato