Anno XXV - N°13 - 2 settembre 2022

L'editoriale
01.09.2022

di 

Claudio Carrer

La riforma dell’Avs (denominata AVS 21) in votazione il prossimo 25 settembre e, in particolare, il previsto innalzamento dell’età pensionabile delle donne da 64 a 65 anni, non è “solo” un furto da 10 miliardi a danno delle donne e un insulto alla dignità di lavoratrici che già patiscono enormi discriminazioni retributive sia durante sia dopo la vita attiva, con salari inferiori mediamente del 19 per cento rispetto agli uomini e pensioni più “magre” del 37 per cento. AVS 21 è una minaccia per l’intera società, in particolare per le classi meno agiate, una riforma profondamente anti-sociale, fuori dal corso della storia e non aderente alle condizioni reali del mondo del lavoro.

Articoli

AVS 21
01.09.2022

di 

Francesco Bonsaver

Se fosse per chi lavora dietro le vetrine dei lussuosi negozi di via Nassa o nelle fabbriche del Mendrisiotto, l’aumento dell’età di pensionamento delle donne (Avs21) in votazione il prossimo 25 settembre non avrebbe nessuna chance. Sebbene i risultati complessivi non saranno resi pubblici che il 12 settembre dal sindacato, gli exit poll della votazione sui posti di lavoro organizzata da Unia su scala nazionale non lasciano dubbi. La proposta di aumentare da 64 a 65 anni l’età della pensione delle donne sarebbe bocciata con una percentuale bulgara che sfiora il 100 per cento. Un reportage delle votazioni sindacali.

Ecologia
05.09.2022

di 

Mattia Lento

Francesco Bonavia, responsabile del vivaio forestale cantonale del Canton Grigioni a Rodels (nei pressi di Thusis), sta creando una vera e propria banca dei semi. I vivai svizzeri sono diventati fondamentali anche per affrontare il cambiamento climatico sofferto dalle Alpi. Con Bonavia cerchiamo di capirne le ragioni.

AVS 21
01.09.2022

di 

Francesco Bonsaver

Rubriche

La mano invisibile
01.09.2022

di 

Silvano Toppi
Eurovisioni
01.09.2022

di 

Andreas Rieger
Spazio Amnesty
01.09.2022

di 

Lukas Hafner
Affari nostri
01.09.2022

di 

Serena Tinari
Dolce casa
01.09.2022

di 

Adriano Venuti