..

Anno XXIII - N°12- 28 agosto 2020

..
L'editoriale
31.08.2020

di 

Claudio Carrer

Quella che stiamo vivendo è una fine estate carica di incertezze: per la situazione sanitaria come per quella economica. E nella popolazione, complice la mancanza di risposte convincenti e adeguate alle circostanze, si fanno largo sentimenti di paura, di preoccupazione, di smarrimento. E anche di crescente insofferenza.

Sul fronte della pandemia, al di là della crescita del numero dei contagi a cui assistiamo da alcune settimane e dei timori che ciò può suscitare, stanno emergendo tutti i limiti della regionalizzazione (decisa in giugno dal Consiglio federale) della responsabilità nel fronteggiare la situazione: i Cantoni si muovono in ordine sparso e adottano a volte decisioni incomprensibili (si pensi a Zurigo: obbligo della mascherina nei negozi, ma non negli aeroporti, nelle stazioni e nei centri commerciali sotterranei annessi). E mentre a livello regionale si introducono restrizioni e divieti, la Confederazione cosa fa? decide di aprire gli stadi: così dal 1° ottobre al St. Jakob Park di Basilea, per esempio, potranno confluire fino a 25mila persone.


 

Articoli

Lavoro & società
08.09.2020

di 

Federico Franchini

Dopo la pausa estiva si sono succeduti gli annunci di importanti licenziamenti: Manor, Bucherer, Der Touristik e Credit Suisse che potrebbe tagliare fino a 500 impieghi nella Confederazione. Altre aziende avevano già fatto annunci analoghi prima delle ferie: Schindler, Sulzer, Mikron, Ewag, Landis + Gyr e altre ancora. La Segreteria di Stato dell’economia (Seco) ha ricevuto 139 notifiche di licenziamenti di massa solo tra marzo e giugno. Sono interessati circa 8.000 dipendenti. A questo vanno aggiunti i licenziamenti che sfuggono ai radar mediatici.

«Sarà un autunno molto caldo sul fronte economico, perché sta per scoppiare un incendio (doloso) che brucerà numerosi posti di lavoro e farà fallire diverse aziende per svariati motivi, aumentando in maniera drammatica la disoccupazione, ben oltre ciò che le statistiche ufficiali possono mostrare» afferma Sergio Rossi, professore ordinario di macroeconomia e di economia monetaria all’Università di Friburgo.



Lavoro & dignità
31.08.2020

di 

Federico Franchini

Il numero è preciso: 476. Sono gli impieghi che Manor intende tagliare per accelerare la sua «trasformazione strategica». Di norma il «più grande gruppo di grandi magazzini della Svizzera» è avaro di dati: la sua cifra d’affari e i suoi utili non sono pubblicati da anni. Poco note sono anche le informazioni sul gruppo che controlla Manor: una holding ginevrina molto discreta e dietro cui si cela una ricchissima famiglia. E che oggi sembra puntare su altri settori più redditizi.

Lavoro & dignità
31.08.2020

di 

Francesco Bonsaver

Fine della libera circolazione e delle misure di accompagnamento, accordi bilaterali stracciati e ripristino dei contingenti per l’impiego della manodopera estera. È quanto accadrebbe se il 27 settembre dalle urne uscisse un sì all’iniziativa “Per una immigrazione moderata” promossa dall’Unione democratica di centro (Udc). Quali sarebbero le conseguenze per i lavoratori in Svizzera? Ne parliamo con Giangiorgio Gargantini, segretario regionale di Unia.

Lavoro & società
31.08.2020

di 

Veronica Galster

Il 27 settembre si voterà su due oggetti a favore della famiglia? A prima vista potrebbe sembrare così, ma in realtà se il congedo paternità di due settimane rappresenta un primo passo importante nel miglioramento della conciliabilità tra lavoro e famiglia, l’aumento delle deduzioni fiscali per i figli sono invece l’ennesimo regalo ai più ricchi.

Ambiente e salute
31.08.2020

di 

Marina Forti

È un caso di contaminazione industriale tra i più estesi d’Europa, eppure stenta a fare notizia. In Veneto la falda idrica che corre tra le province di Vicenza, Verona e Padova è contaminata da composti chimici tossici che vi si sono accumulati per decenni, minacciando la salute di circa 350mila persone. Si tratta di Pfas, sostanze perfluoro alchiliche, sigla sconosciuta ai più. Indica delle molecole che non esistono in natura, ma sono presenti in decine di oggetti di uso quotidiano: dalle pentole anti-aderenti al rivestimento impermeabile dei piatti di carta o gli imballaggi alimentari; sono nei tessuti impermeabilizzati, nel Goretex, nelle schiume antincendio, perfino nella sciolina degli sci.

Rubriche

La mano invisibile
27.08.2020

di 

Silvano Toppi
Affari nostri
27.08.2020

di 

Serena Tinari
Immigrazione e dintorni
27.08.2020

di 

Dino Nardi
Lavoro
27.08.2020

di 

Giuseppe Dunghi
Diario di classe
27.08.2020

di 

Anna Biscossa
Eurovisioni
27.08.2020

di 

Andreas Rieger
..
..
..