< Ritorna

Stampa

 

Ancora Zurigo tra i piedi

di

Antonio Bolzani
Vincere a Sion e sperare in un pareggio o in una sconfitta del Grasshoppers a San Gallo: ebbene sì, è oramai stranoto che con questa congiunzione di risultati il Lugano domani sera diventerebbe campione svizzero. Sarebbe fantastico riconquistare il titolo nazionale a 52 anni di distanza dall’ultima volta (nel 1948/49); sarebbe splendido soprattutto per una città che, dopo aver già vinto con pieno merito il campionato di pallacanestro e dopo aver sfiorato il successo in quello di hockey su ghiaccio, si ritroverebbe a festeggiare anche la sua squadra calcistica. Il recente precedente cestistico ci conforta: il Lugano si è aggiudicato lo scudetto fuori casa, a Losanna, che si trova nella Svizzera romanda proprio come Sion…! Decisamente meno incoraggiante, invece, il confronto con l’hockey: anche in quell’occasione i destini luganesi si incrociavano con quelli zurighesi. Il meritato riconoscimento allo straordinario cammino del Lugano lo si è avuto sabato scorso con gli oltre diecimila spettatori giunti a Cornaredo. "A lungo si è pensato che questo Cantone costituisse un’eccezione nel panorama internazionale e dietro una palla che rotola non riuscisse a far vibrare le corde delle emozioni della gente. Questo Lugano che lotta per il titolo svizzero, come non accadeva più dagli anni Settanta, ha risvegliato passioni sopite e rammenta apertamente a tutti che l’universalità del gioco del calcio, sicuramente lo sport più popolare al mondo, non è casuale" annotava Tarcisio Bullo lunedì scorso sul Corriere del Ticino, ricordando che "quando lo stadio è popolato da così tanta gente colorata e festante, il football riscopre per incanto tutta la sua magia, della quale in Ticino si erano perse le tracce da tempo. E la partita di pallone non teme il confronto con altri sport". È vero, erano diversi anni che i bianconeri erano accompagnati e seguiti, nel bene e nel male, dai "soliti" tifosi; per muoverne degli altri, quel substrato di appassionati che sappiamo che potenzialmente esiste, il Lugano deve riuscire a creare l’evento, ossia la partita-spareggio che conta per qualcosa. Lo abbiamo constatato in occasione delle due ultime finali di Coppa Svizzera, lo si è verificato in Coppa Uefa, in Coppa delle Coppe e lo si è nuovamente riscontrato sabato scorso: tra il Lugano ed il San Gallo c’era in palio non solo il secondo posto, ma pure — per la formazione di Morinini — un prezioso biglietto per l’Europa e l’opportunità di giocarsi il titolo domani sera al Tourbillon. Ed eccola allora la carica dei diecimila che scendeva da Canobbio e da Via Torricelli e che imboccava Via Ciani e Via Trevano; c’era l’evento da vivere in diretta, bisognava esserci. Giusta, giustissima, anzi doverosa la presenza sugli spalti di Cornaredo; peccato però che non sia sempre così, cioè che il prodotto calcio non sia oramai più in grado di attirare costantemente una quantità ragguardevole di pubblico. Ma il problema è universale, non solo luganese: lo sport di alto livello è diventato uno spettacolo, con le sue leggi e i suoi ritmi. Che prevedono delle "recite-evento" forti e totalmente coinvolgenti.

Pubblicato

Venerdì 25 Maggio 2001

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 23 Settembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019