< Ritorna

Stampa

 
L'editoriale

Alla salute dei salariati

di

Claudio Carrer

La realtà del mondo del lavoro dovrebbe suggerire l’adozione di norme che rafforzino i diritti e la tutela della salute dei salariati, soprattutto in Svizzera, dove la legislazione sul lavoro è storicamente tra le più deboli d’Europa, minimalista, “essenziale” (come la definisce, prendendola a modello, un rottamatore di diritti come l’ex presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi). Eppure, la cronaca parlamentare e politica delle ultime settimane fa registrare un nuovo pesante attacco concentrico della destra e del padronato, il cui scopo è quello di smantellare ciò che resta, di cancellare dalla legge le più elementari forme di protezione delle lavoratrici e dei lavoratori.


È in questa logica che s’inserisce la recente approvazione da parte della Commissione dell’economia e dei tributi del Consiglio degli Stati di due atti parlamentari che chiedono un allentamento dell’obbligo di registrazione del tempo di lavoro e una riduzione di quello di riposo per i lavoratori “con funzioni direttive” e per gli “specialisti”. Apparentemente si tratta creare delle eccezioni per pochi, ma non è così. All’interno delle imprese le “funzioni direttive” sono infatti assunte anche ai piani gerarchici più bassi e molti lavoratori hanno un’ottima formazione e sono specializzati. Queste persone continuerebbero dunque a percepire un salario inferiore a quello dei quadri dirigenti dell’azienda ma, come loro, non dovrebbero più registrare le ore di lavoro. Una prospettiva inquietante, che si tradurrebbe con il mancato pagamento degli straordinari e con la perdita di una serie di diritti in termini di durata massima della giornata e della settimana lavorativa, di tempo minimo di riposo, ma anche con incontestabili danni alla salute psichica e fisica.


Tutti gli studi condotti attestano del resto che lo stress rappresenta uno dei principali problemi dell’odierno mondo del lavoro e che esso è favorito dalla crescente difficoltà a porre un confine tra lavoro e tempo libero.
Quello della Commissione degli Stati è dunque un attacco in piena regola alla salute di decine di migliaia di lavoratori, su cui pendono peraltro ulteriori minacce: settimana lavorativa di 60 ore, giornata di 15 e tempo di riposo ridotto da 12 a 9 ore «quando la mole di lavoro lo richiede», rivendicano per esempio la Società degli impiegati di commercio e l'Associazione impiegati definendo la Legge sul lavoro «non più al passo coi tempi». Su questo hanno ragione, ma la strada da imboccare è quella esattamente opposta.



Pubblicato

Mercoledì 13 Settembre 2017

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 18 Novembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019