< Ritorna

Stampa

Palazzo & Lavoro

Lugano e i mandati dorati

Dopo la passerella in subappalto, emergono altri interrogativi sugli incarichi diretti cittadini

di

Francesco Bonsaver

Dal 2014 al 2018, il Municipio di Lugano ha affidato 33 mandati diretti a tredici aziende attive nel campo della attrezzatura da cucina e affini per poco meno di 520mila franchi. Una quattordicesima ditta, invece, è stata più fortunata. Nel medesimo campo e periodo infatti, la Franco dell’Oro Sa, di mandati diretti ne ha ricevuti 35 per oltre 720mila franchi.

La Franco dell’Oro è balzata all’onore delle cronache un paio di settimane fa, a seguito della denuncia di Unia raccontata su queste pagine, per aver subappaltato illecitamente un lavoro commissionato dal Municipio, ottenuto con la procedura del mandato su invito. 

Subappalto, ricordiamo, affidato a una ditta fallita tre settimane fa, con una lista di precetti esecutivi per un importo di 1,3 milioni di franchi. Il titolare della ditta subappaltante era già fallito l’anno scorso con un’altra impresa, lasciando anche in questo caso degli scoperti salariali, oneri sociali e imposte. Sul caso, è partita una segnalazione all’Ufficio cantonale della Vigilanza sulle commesse pubbliche.


Dopo la denuncia sindacale, il municipale Roberto Badaracco ha promesso ai microfoni della Rsi un rapporto dettagliato su quanto successo. Chiarezza l’hanno chiesta pure dei consiglieri comunali di schieramenti diversi, inoltrando delle interrogazioni all’indirizzo dell’esecutivo luganese (Edoardo Cappelletti, Partito comunista e Tiziano Galeazzi, Udc).


Anche l’Associazione dei falegnami ticinesi chiede chiarezza al Municipio, invitandolo a istituire una Commissione d’inchiesta indipendente su quanto avvenuto (si veda qui). Nella missiva inviata all’esecutivo luganese, l’associazione padronale si dice convinta che dietro la spiacevole storia si nascondano interessi particolari. La lunga lista di mandati diretti, affidati alla medesima ditta dall’esecutivo luganese, alimenta dei legittimi dubbi. Quali competenze tecniche possiede quell’unica ditta per farla preferire di gran lunga alle concorrenti?

Ritratto di una ditta
Da una dozzina di anni, il presidente della Franco Dell’Oro Sa è Rocco Olgiati, figura di spicco nel recente passato del Partito liberale luganese, avendo occupato la carica di capogruppo in Consiglio comunale. Sebbene da qualche anno si sia ritirato dalla vita politica, molti media davano per certa la sua presenza nella lista dei candidati al Municipio alle ultime elezioni comunali del 2016. Fu poi lui stesso ad annunciare che, dopo ampia riflessione, vi avrebbe rinunciato. Ma Olgiati ricopre pure un altro ruolo importante nella vita cittadina. È il presidente della Loggia massonica Il Dovere. Una loggia su cui storicamente aleggiano i sospetti di vero “centro di potere” ufficioso della Città, data la trasversalità e importanza dei suoi membri, attivi nella vita cittadina in numerosi ambiti. Sebbene i suoi aderenti siano secretati, a titolo di esempio, si può citare Giorgio Giudici, ex sindaco di Lugano per quasi trent’anni (1984-2013), il quale non nascose mai la sua appartenenza alla Loggia Il Dovere, dicendosi pubblicamente «fiero di essere massone».


Il secondo e unico membro del Cda della Franco dell’Oro è una personalità conosciuta nel tessuto cittadino. Da molti anni attivo nella ristorazione luganese, ha duplicato la sua presenza sulla Piazza cittadina grazie alla recente compartecipazione nel bar che si trova giusto giusto sotto il Municipio.


Premesso che non esistano prove alcune di comportamenti illeciti, gli indizi sopra descritti alimentano la maldicenza popolare sui sospetti di preferenza di mandati diretti attribuiti per oltre 720mila franchi alla sola ditta Franco Dell’Oro Sa. Importo interessante se confrontato al numero di incarichi e importi complessivi ricevuti dalle ditte concorrenti.

Ticino e Lugano, ultimo posto
A Lugano i mandati diretti ammontano a  una quarantina di milioni l’anno. Cifre non di poco conto. «L’antidoto alla corruzione o clientelismo è la trasparenza» spiega la professoressa Federica De Rossa nell’intervista correlata. Anche in questo campo, a Lugano e Cantone, pare resti molto da fare. Due anni fa, Matthias Stürmer, direttore dell’unità di ricerca della sostenibilità digitale dell’Università di Berna, aveva dimostrato come i cantoni Ticino e Grigioni siano i meno trasparenti nell’ambito delle commesse pubbliche. Partendo dai dati pubblicati dal 2008 al 2017 sulla piattaforma federale per gli appalti pubblici Simap.ch, Stürmer aveva controllato se per ogni concorso pubblico fosse poi stato pubblicato il vincitore dell’appalto. I comportamenti dei cantoni variavano molto. Il Ticino arrivava ultimo con un 1%, mentre Basilea Città era ai vertici della graduatoria col 93%. Poiché in Simap.ch è possibile confrontare sette grandi città, area ha verificato il risultato degli ultimi tre anni. Restringendo alle città di dimensioni equiparabili, si hanno Winterthur (716), Neuchâtel (126), Bienne (49) e chiude Lugano con 3 sole indicazioni.

Pubblicato

Mercoledì 25 Settembre 2019

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

..

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 7 Novembre 2019

Torna su

Lavoro e dignità
12.09.2019

di 

Francesco Bonsaver

Logica del minor prezzo, mandato diretto a chi non ha le competenze, subappalto a chi non paga gli operai e ha alle spalle una storia di fallimenti. Tutti i dettagli del caso denunciato dal sindacato Unia, che vede coinvolto quale attore di primo piano il Comune di Lugano, committente dell’opera.

L'esperta
25.09.2019

di 

Francesco Bonsaver

Federica De Rossa insegna e dirige l’Istituto di Diritto all’Università della Svizzera italiana ed è docente alla Facoltà di diritto di Lucerna. Inoltre è Giudice supplente del Tribunale federale alla Corte di diritto pubblico. Tra i suoi numerosi campi di competenza, si occupa del tema della lotta alla corruzione e dell’individuazione di meccanismi atti a garantire integrità e trasparenza dell’amministrazione pubblica e del settore parastatale, nonché del diritto degli appalti pubblici. Alla professoressa De Rossa abbiamo chiesto di descriverci gli obiettivi e il funzionamento dei mandati diretti.

Lavoro e dignità
25.09.2019

di 

Francesco Bonsaver
Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

..
Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019