L'editoriale
Crotta e il Ticino che lascia fare
..

di

Come è possibile che Enzo Crotta, l’imprenditore ticinese smascherato dalla trasmissione della RSI “Patti chiari” per le condizioni igieniche spaventose della sua azienda agricola, abbia potuto agire indisturbato per anni, in particolare rifornire le sue verdure e le sue insalate, ripulite e imballate in mezzo alla sporcizia, a supermercati, ristoranti, mense scolastiche e ospedali? È forse questo l’interrogativo più inquietante che la vicenda solleva. Una vicenda che, al di là del comportamento irresponsabile del Crotta, getta pesanti ombre sulla serietà delle autorità di controllo, della magistratura e degli stessi acquirenti, che sapevano o che non potevano non sapere.

Leggi l'articolo

Pubblicato il

10.05.17
..

L'ultima edizione

10 Maggio 2017
..

Ultime rubriche

..
.. ..
..
Immigrazione e minori
La storia di Shakir, 11 anni, scappato con altri due dal foyer di Paradiso. Il parere della psicoterapeuta che lo conosce bene

di

..

Uno non riesce nemmeno a immaginarselo. Un minore che attraversa confini in condizioni estreme, nelle mani di aguzzini, macinando distanze da atlante in difficoltà impossibili da riprodurre a parole. Senza genitori. Solo come un cane, in mezzo a tanti altri disperati, così disgraziati che ognuno resta abbandonato a sé stesso. Shakir, 11 anni, è riuscito a superare e a sopportare il viaggio dall’Eritrea all’Europa. Dal barcone è sceso fino a giungere al foyer della Croce Rossa di Paradiso, da dove con altri due ragazzi è scappato lo scorso 22 febbraio. Ecco la sua storia, o quel frammento di storia che conosciamo.

Leggi l'articolo

Pubblicato il 

10.05.17..
..
..
..
Lavoro e salute
La vicenda di un'azienda ticinese che lavora con il berillio ma non informa i dipendenti, che in diversi si ammalano gravemente

di

..

Davide Donini era un lavoratore come tanti altri, che tutte le mattine inforcava la sua bicicletta e andava al lavoro, faceva la sua giornata e alla sera tornava a casa. Era, sì. Non perché Davide Donini non ci sia più, per carità, ma non è più un lavoratore. Oggi la bicicletta, una sua grande passione, la utilizza solamente per giri molto più brevi e sporadici di quanto faceva un tempo perché nel 2013 si è dovuto fermare: dopo una crisi respiratoria e vari accertamenti gli è stata diagnosticata la berilliosi, una malattia professionale che danneggia i polmoni (vedi box) e ne compromette le funzioni. Oggi il signor Donini vive attaccato a una bombola d’ossigeno ed è in attesa di trapianto ai polmoni. La sua vicenda è stata raccontata dai colleghi di Falò il 4 maggio scorso sulla Rsi La1, una vicenda che lascia più che l’amaro in bocca e che apre vari interrogativi.

Leggi l'articolo

Pubblicato il 

10.05.17..
..
..
..
..
CCL-TI architetti e ingegneri
..

di

Dall’indignazione alla partecipazione. Dopo aver visionato e rifiutato la bozza di contratto collettivo di lavoro che avrebbe regolamentato la loro vita quotidiana, architetti e ingegneri hanno preso in mano il loro destino professionale, rielaborando una nuova proposta di Ccl. Un passo importante e non scontato, a cui dovranno seguirne altri. Ora dovranno convincere la controparte padronale di quanto siano uniti e determinati nel volerlo ottenere. Ma di questo sembrano ben coscienti. 

Pubblicato il

10.05.17
Francia
..

di

La vittoria di Emmanuel Macron sta facendo esplodere tutto il panorama politico francese. È persino in difficoltà il Fronte nazionale, che pure ha raggiunto un risultato storico, quasi 11 milioni di voti, dove la strategia “sociale” di Marine Le Pen è contestata, a favore di un ritorno alle posizioni tradizionali, anti-immigrati, identitarie (Marion Maréchal - Le Pen, che incarna questa linea, a sorpresa ha però rinunciato alla politica). Il Ps è in pieno terremoto, ci sono già state defezioni verso En Marche! che hanno dato il colpo di grazia a un partito che era di governo, ma che è crollato al 6,5% alle presidenziali con Benoît Hamon.

Pubblicato il

10.05.17
Italia
..

di

Almeno su una cosa Barak Obama ha ragione: “Come si mangia in Italia non si mangia da nessuna parte”. Dal menù della cena di gala firmata dai fratelli Cerea del ristorante 3 stelle “Da Vittorio” di Bergamo arriva una netta conferma alle preferenze alimentari dell’ex presidente Usa: si comincia con finger food (stuzzichini da agguantare con le mani, ma l’inglese è d’obbligo), gnocchetti di ricotta con fontina, barba dei frati e tartufo nero di Norcia, spallina di vitello al Porto bianco, tiramisù moderno (?), Kermesse di dolci e caffè, il tutto innaffiato con Franciacorta.

Pubblicato il

10.05.17
Criminalità globale
..

di

Un processo unico e senza precedenti. Cinque giudici professionisti che hanno sentenziato sulla base dei “Princìpi guida sulle imprese e i diritti umani” del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite e che, tramite gli strumenti del diritto internazionale, hanno esaminato diversi capi d’imputazione e, sulla base di questi, hanno condannato la multinazionale statunitense Monsanto. Un’iniziativa che certo non ha nessuna valenza ufficiale ma che potrebbe avere un forte impatto simbolico per tutte quelle aziende che, mosse unicamente dalla ricerca del profitto, minacciano la salute degli esseri umani e la sicurezza del pianeta.


Pubblicato il

27.04.17
Salute
..

di

In Svizzera il numero degli infortuni professionali è in continua flessione ormai da anni, ma gli sforzi per migliorare la sicurezza e la tutela della salute delle lavoratrici e dei lavoratori vanno ulteriormente intensificati, alla luce dei nuovi fattori di rischio ma anche dei dati statistici nudi e crudi: oltre 250.000 infortuni professionali all’anno (254.638 nel 2014), il che significa che ogni giorno circa 1000 lavoratori non rientrano a casa nelle medesime condizioni in cui si sono recati al lavoro. D’altro canto il rischio di farsi male diminuisce costantemente: se nel 2005 si registravano 74 infortuni ogni mille lavoratori a tempo pieno, nel 2014 si è scesi a 65. I morti per infortunio sono invece costantemente circa 100 all’anno (2,3 vittime ogni 100.000 dipendenti a tempo pieno, contro le 2 della Germania e l’1,9 della Francia).


Pubblicato il

27.04.17
Lavoro
..

di

Appuntamento a Bellinzona per il 1° maggio ticinese, quest'anno particolarmente combattivo in un clima generale di deterioramento dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori. «In Ticino stiamo vivendo un contesto di precarietà e bassi salari particolarmente forte rispetto al resto della Svizzera, quindi per noi il 1° maggio ha ancora e più che mai senso e valore», questa la sintesi di quanto detto dal segretario sindacale dell’Uss Samuele Cavalli in apertura della conferenza stampa di presentazione della festa dei lavoratori. Anche se chiamarla “festa” suona quanto meno bizzarro: c’è poco da festeggiare infatti ascoltando quanto riportato dai rappresentanti delle federazioni sindacali presenti in conferenza stampa.

Pubblicato il

27.04.17
Esteri
..

di

È la fotografia di una Francia fratturata – socialmente, nei territori, tra generazioni – che è uscita dal primo turno delle presidenziali e che al ballottaggio dovrà scegliere tra Emmanuel Macron, giovane candidato “né di destra né di sinistra” o anche “e di destra e di sinistra”, e Marine Le Pen del Fronte nazionale.


Pubblicato il

27.04.17
Migrazione
..

di

Sono definiti “minori non accompagnati” e nei documenti ufficiali vengono indicati con l’acronimo MNA. Sono bambini e adolescenti che, dopo averne viste di tutti i colori, sono giunti da soli in Ticino alla fine di un viaggio simile a una via crucis. Il travaglio sarà terminato? Una tesi di laurea della Supsi del 2015 evidenzia «un’impreparazione a livello istituzionale nell’accogliere minori non accompagnati». Con la raccomandazione di «rafforzare le competenze interculturali degli educatori».

Il fenomeno dei minorenni che emigrano soli è in continuo aumento in Europa e tocca pure la Svizzera, Canton Ticino compreso.

Pubblicato il

12.04.17
La vignetta
© Corrado Mordasini 2017

Abbonarsi alla versione
cartacea di area costa
solo 60 franchi!

..
..
..
..
..
.. ..